Mafia, Berlusconi: "Io indagato? Hanno ancora paura di me" :ilSicilia.it

indagine legata alle stragi 90

Mafia, Berlusconi: “Io indagato? Hanno ancora paura di me”

di
28 Settembre 2019

Me ne hanno fatte di tutti colori. Anche l’altro ieri, perchè avevano ancora paura di me, ma noi dobbiamo resistere, dobbiamo avere dei figli che assumano i nostri principi affinchè l’Italia sia uno stato amico dei cittadini e a loro garanzia e non lo Stato che vuole la sinistra“. Lo ha detto il leader di Forza Italia, Silvio Berlusconi nel corso del suo intervento al teatro Manzoni di Milano, riferendosi all’indagine nei suoi confronti legata alle stragi degli anni 90.

Silvio Berlusconi è indagato nel procedimento aperto dalla Procura di Firenze sulle stragi mafiose del 1993. La nota che certifica l’iscrizione dell’ex premier nel registro degli indagati è stata depositata dai suoi stessi legali. Gli avvocati Franco Coppi e Nicolò Ghedini che assistono Berlusconi, dopo la citazione a deporre del loro assistito da parte dei difensori di Dell’Utri nel processo trattativa Stato-mafia, avevano chiesto alla Corte d’assise d’appello di Palermo di definire in quale veste giuridica sentirlo: se come teste o indagato di reato connesso, stato questo che gli consentirebbe di avvalersi della facoltà di non rispondere. Il nodo è stato sciolto dagli stessi avvocati del Cavaliere che si sono informati con i pubblici ministeri fiorentini.

La riapertura delle indagini su Berlusconi risale a due anni fa, nell’ambito del procedimento sulle stragi mafiose del 1993 per le quali l’ex premier era già stato indagato e archiviato nel capoluogo toscano per due volte. La riapertura era stata disposta in seguito alla trasmissione, da Palermo a Firenze, delle intercettazioni in carcere di Giuseppe Graviano disposte dalla procura siciliana. Allora si era parlato di un «atto dovuto» per permettere accertamenti che, a due anni di distanza, non si sono ancora conclusi.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin