Mafia, blitz a Licata: coinvolto il deputato regionale Pullara :ilSicilia.it
Agrigento

"è a disposizione del clan"

Mafia, blitz a Licata: coinvolto il deputato regionale Pullara

19 Giugno 2019

Spunta il nome del deputato regionale Carmelo Pullara nel provvedimento di fermo di sette persone indagate per mafia ad Agrigento. Stamattina all’alba i carabinieri hanno fatto scattare le manette per boss e gregari delle ‘famiglie’ di Licata e Campobello di Licata. Fra questi il consigliere comunale licatese Giuseppe Scozzari.

Il capomafia Angelo Occhipinti finto agli arresti, intercettato durante l’inchiesta, avrebbe definito il parlamentare “a disposizione” del clan”.

“Per me Pullara è buono. La gente che vuole mangiare buoni sono. Almeno sai che se ci vai per una cosa prende e te la fa”. Così il boss Angelo Occhipinti, fermato dalla Dda di Palermo con l’accusa di essere il capomafia di Licata, parlava, non sapendo di essere intercettato, del deputato regionale Carmelo Pullara.
“C’è stata una cosa senza che ci sono andato – aggiunge – il 20 maggio del 2018 e gli ho detto che si deve mettere da parte e si è messo da parte. Angiolè che ti devo dire tutte cose? Pullara è buono perché è ‘mangiataro’ (ingordo ndr) vuole mangiare con sette forchette”.

Pullara, 48 anni, eletto alle ultime regionali, è presidente del Gruppo parlamentare Popolari e Autonomisti all’Ars. Fa parte della commissione regionale Antimafia. vanta un lungo curriculum politico. Voci politiche lo volevano candidato alle scorse europee del 26 maggio, ma alla fine la sua candidatura non è andata in porto.

LEGGI ANCHE

Mafia, sette arresti a Licata e Campobello: c’è anche un consigliere comunale

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.