20 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.44
Palermo

operazione Maredolce 2

Mafia, blitz a Palermo, arrestate 25 persone della “famiglia” di corso dei Mille

2 Luglio 2019

Cosa nostra è ancora potente a Palermo, dove gestisce, oltre al traffico e allo smercio di droga, anche il business dei videopocker nei bar oltre ad attività insospettabili come case di riposo per anziani. Il controllo della famiglia mafiosa di corso dei Mille si estendeva su diverse attività. Stamattina all’alba, la squadra mobile ha arrestato 25 persone, ritenute appartenenti al clan del popolare quartiere palermitano, che fa parte del celebre mandamento mafioso di Brancaccio.

polizia arrestoLe indagini, coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Palermo, vanno dai reati di associazione mafiosa, estorsione aggravata, incendio, trasferimento fraudolento di valori aggravato, autoriciclaggio, fino alla detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e al contrabbando di sigarette.

Gli investigatori hanno radiografato l’economia di un clan mafioso molto organizzato. A capo del sodalizio criminale ci sarebbero state due vecchie conoscenze degli investigatori, Fabio Scimò e Salvatore Testa, già condannati in passato per associazione mafiosa.

A condurre le indagini, la Squadra Mobile, che ha tolto un velo sul sodalizio criminale di corso dei Mille. L’operazione, ribattezzata “Maredolce 2” fa seguito a quella che nel luglio di due anni fa aveva disarticolato parte del clan, con gli arresti di diversi “picciotti” della cosca. Il capomafia di Brancaccio venne individuato in Pietro Tagliavia, esponente di una famiglia mafiosa molto nota anche negli anni passati e coinvolta nelle stragi del ’92.

Nel corso dell’operazione sono stati sequestrati all’organizzazione beni per un valore approssimativo di un milione di euro.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.