Mafia, blitz a Trapani: 25 in manette, arrestato ex deputato regionale Pd :ilSicilia.it
Trapani

L'esponente poltiico è Paolo Ruggirello

Mafia, blitz a Trapani: 25 in manette, arrestato ex deputato regionale Pd

di
5 Marzo 2019

L’ex parlamentare regionale Paolo Ruggirello è stato arrestato all’alba di oggi con l’accusa di “associazione mafiosa”. L’esponente politico che quattro anni fa dopo essere stato eletto con il centrodestra, era transitato nelle fila del Pd, è finito in manette nel corso di un blitz, scattato a Trapani e provincia contro 25 persone ritenute appartenenti alla mafia. Agli arresti anche l’ex assessore comunale di Trapani Ivana Inferrera, indagata per voto di scambio politico-mafioso.

Secondo la procura di Palermo, l’ex deputato regionale, che alle scorse elezioni politiche si era candidato all’uninominale con il Partito Democratico, sarebbe stato vicino al clan di Trapani, grazie al quale avrebbe ottenuto voti e appoggio elettorale in cambio di favori e assunzioni, arrivando – secondo l’accusa – addirittura ad affidare ai mafiosi la gestione, seppur parziale, della propria campagna elettorale.

Inferrera, 55 anni e una laurea in Conservazione dei beni culturali, è stata direttrice del museo della preistoria e nel 2013 è stata nominata assessore alle Strategie di sviluppo, alle politiche sociali e al Turismo del Comune di Trapani.  Secondo gli inquirenti, i due politici si sarebbero offerti ai mafiosi “proponendosi come punti di riferimento per i clan e arrivando, in alcuni casi, addirittura ad affidare loro la gestione della campagna elettorale”.

Al centro dell’operazione “Scrigno” condotta dai Carabinieri c’è la mafia di Trapani, composta dagli eredi del boss Vincenzo Virga. A guidare i clan ci sarebbero stati i suoi figli Francesco e Pietro, che avrebbero gestito gli affari della famiglia mafiosa soprattutto nell’ambito delle costruzioni edili, dello smaltimento dei rifiuti e del settore turistico. Infatti, i boss avrebbero gestito tramite un prestanome un albergo nell’isola di Favignana.

I militari dell’Arma, infatti, hanno sequestrato beni, società ed esercizi commerciali per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro. Tra questi anche il Grand Hotel Florio di Favignana.

Oltre ai vertici del mandamento mafioso (rappresentati dai fratelli Virga), tra gli arrestati vi sono anche esponenti della famiglia mafiosa di Paceco e della famiglia mafiosa di Marsala.

Ruggirello è stato per anni fedelissimo dell’ex socialista Bartolo Pellegrino e poi esponente di primo piano dell’Mpa di Raffaele Lombardo. Nel 2012 era stato eletto con il centrodestra all’Ars, ma tre anni dopo (dopo una breve parentesi con Articolo 4) aveva aderito al Pd renziano, partecipando alla Leopolda del 2015 e diventando uno dei leader del centrosinistra trapanese. Una vera e propria macchina da voti, anche se alle scorse elezioni politiche, però, non era stato eletto all’uninominale, dopo che nel 2017 era sfumata anche la rielezione all’Ars.

L’inchiesta che all’alba ha fatto scattare il blitz contro i 25 presunti appartenenti alla mafia è coordinata dal procuratore capo di Palermo Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Paolo Guido e dai sostituti procuratori Gianluca De Leo e Claudio Camilleri.

I NOMI DEGLI ARRESTATI

Questi i nomi degli arrestati: ALCAMO Michele, nato a Erice il 19/05/1973; ANGILERI Diego, nato a Marsala il 10/02/1937; ANGILERI Salvatore, nato a Marsala il 31/05/1972; BIANCO Biagio, nato a Marsala il 12/06/1967; BUZZITTA Antonino, nato a Erice il 02/01/1942,; CUSENZA Pietro, nato a Erice il 16/09/1967; D’AGUANNO Antonino, nato Erice il 09/11/1964; D’ANGELO Vito, nato a Ravanusa il 22/03/1948; FERRARA Vincenzo, nato a nato a Marsala il 12/09/1965; GUCCIARDI Vito, nato a Vita (TP) il 08/04/1960,; INFERRERA Ivana Anna Maria, nata a Trapani il 11/12/1963; LA RUSSA Domenico, nato a Trapani il 07/01/1950; LETIZIA Mario, nato a Paceco il 09/06/1970; MALTESE Giovanni, nato a Trapani il 05/02/1955; MARTINES Michele, nato ad Erice il 25/10/1969; ORLANDO Franco, nato a Trapani il 22/06/1956; PERALTA Francesco Paolo, nato a Trapani il 25/03/1965; PICCIONE Giuseppe, nato a Marsala il 10/02/1972; RUGGIRELLO Paolo, nato a Trapani il 10/03/1966; RUSSO Francesco Salvatore, nato a Erice il 09/01/1978; RUSSO Leonardo, nato Paceco il 28/04/1961; SALERNO Carmelo, nato a Paceco il 28/11/1960; TOSTO Filippo, nato a Buseto Palizzolo il 27/06/1971; VIRGA Francesco, nato a Erice il 03/10/1970; VIRGA Pietro, nato ad Erice il 07/05/1973.

IL VIDEO DEGLI ARRESTI:

 

LEGGI ANCHE:

Mafia a Trapani, il gip: “Su Ruggirello confluivano i voti dei boss”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.