Mafia: boss vietò a bimba di partecipare a corteo per Falcone e Borsellino | L'INTERCETTAZIONE :ilSicilia.it
Palermo

l'audio

Mafia: boss vietò a bimba di partecipare a corteo per Falcone e Borsellino | L’INTERCETTAZIONE

di
20 Luglio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

“Noi non ci immischiamo con Falcone e Borsellino… queste vergogne… alla Magione, la’ sono nati e cresciuti, i cornuti la’ sono nati”. Non usa mezzi termini Maurizio Di Fede, uomo della famiglia mafiosa di Roccella arrestato stanotte dalla polizia, rivolgendosi alla mamma di una bimba di 7 anni che avrebbe dovuto partecipare alle celebrazioni per commemorare la strage di Capaci, in cui cosa nostra uccise il giudice Giovanni Falcone, la moglie (anche lei giudice) Francesca Morvillo e tre agenti di scorta, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.

Il fatto risale al 15 maggio 2019 – emerge dalle indagini coordinate dalla DDA di Palermo – e evidenzia l’astio di Di Fede nei confronti dei giudici e di conseguenza anche nei confronti della mamma e della stessa piccola: “Se gli mandi la bambina sei una sbirra – disse urlando – … noi non ci immischiamo con Falcone e Borsellino – insisteva rivolgendosi alla mamma che sottolineava come la figlia ci tenesse ad andare assieme alla classe – non ti permettere io mai gliel’ho mandato mio figlio a queste cose…”. A pochi giorni dall’evento, il 21 maggio 2019, Di Fede riprende l’argomento e il tenore e’ sempre lo stesso: “E’ a Magione, che la’ c’e’, perche’ la sono nati e cresciuti, i cornuti la’ sono nati – dice il boss intercettato rivolgendosi alla mamma della piccola – l’ha, l’ha speciale questa scuola… ci devo andare a parlare con questo preside di questa scuola… gli devo dire ma siete tutti una massa di carabinieri qui?”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin