Mafia, catturato il latitante Bonaccorsi. Si nascondeva in Toscana :ilSicilia.it
Catania

L'uomo è lo storico capo del clan dei Carateddi

Mafia, catturato il latitante Bonaccorsi. Si nascondeva in Toscana

di
14 Aprile 2017

La polizia di Stato ha arrestato il boss latitante Concetto Bonaccorsi, 56 anni, noto come ‘u carateddu, ricercato dal settembre 2016 quando non rientrò nel carcere di Secondigliano (Napoli) dopo un permesso premio di 3 giorni. Condannato all’ergastolo per omicidio, associazione mafiosa e traffico di stupefacente è lo storico capo dell’omonima ‘famiglia’ del clan Cappello-Bonaccorsi.

Indagini di personale della Squadra Mobile di Catania hanno consentito di rintracciarlo in una villa di Massa e Cozzile (Toscana) dove è stato arrestato in collaborazione con la polizia di Pistoia. Particolari sulla sua cattura saranno resi noti più tardi dalla Questura di Catania.

 

Considerato con il fratello Ignazio a capo dei ‘Carateddi‘, ritenuta una frangia ‘armata‘ del clan Cappello legata ai ‘Cursoti‘, Concetto Bonaccorsi è stato catturato in una casa al secondo piano della frazione di Traversagna di Massa e Cozzile, in provincia di Pistoia. Si era reso irreperibile a conclusione di un permesso premio all’opera ‘Don Guastella’ di tre giorni, dal 23 al 26 settembre 2016, quando non era rientrato nel carcere Secondogliano di Napoli. Da una decina di giorni agenti della squadra mobile di Catania si erano trasferiti in Toscana alla ricerca del suo covo. Durante un sopralluogo nella zona, ieri pomeriggio, hanno riconosciuto la moglie affacciata su un balcone, sul quale poco dopo hanno visto il boss preparare un barbecue.

Personale delle squadri mobili di Catania e Pistoia hanno circondato l’edificio e fatto irruzione. Concetto Bonaccorsi non ha opposto resistenza. Nella casa sono state trovate una carta di identità e una patente di guida intestati a un catanese. Dopo la notifica del provvedimento restrittivo emesso dalla Procura generale di Milano per una condanna all’ergastolo per omicidio, associazione mafiosa e traffico di droga, il boss è stato condotto nel carcere di Prato.

Tra i tanti casi in cui è stato implicato anche quello dell’uccisione di Marco De Zorzi, avvenuta il 21 aprile del 1993 a Cassalnovo (Pavia). In quell’occasione rimase bloccato nell’ascensore e catturato in flagranza di reato. Processato è stato condannato a 23 anni e nove mesi di reclusione. A Milano, il 6 febbraio del 2001, è stato condannato a 30 anni per l’omicidio di Angelo Maccarrone, commesso il 18 dicembre 1990. Insieme al fratello Ignazio è stato processato, ma lui prosciolto, dall’accusa di avere assassinato, il 21 febbraio del 1991, Giovanni Durante e Moreno Bennici, uccisi e i corpi gettati nella discarica di Robassomero (Torino) perché ‘colpevoli’ di avere rubato l’auto al boss Bonaccorsi. In quell’occasione, l’11 settembre del 1991, fu arrestato poco prima di sposarsi nel Municipio di Valverde (Catania), ma il matrimonio fu celebrato lo stesso.

È stato coinvolto nelle operazioni antimafia Cuspide (1996) e Revenge (2009) e condannato all’ergastolo il 18 febbraio del 2000 con il capomafia ‘Jimmy‘ Miano per l’omicidio di Angelo Barbera, che era a capo dei ‘Cursoti‘ a Catania. Il delitto, commesso il 18 gennaio del 1991, diede vite a una sanguinosa faida mafiosa che, quell’anno, fece registrare oltre 100 morti ammazzati. Le indagini della squadra mobile sono state coordinate dalla Procura distrettuale di Catania.

“Esprimo un sincero, caloroso, ringraziamento, oltre che profonda riconoscenza alla Polizia di Stato e alla Procura della Repubblica per la brillante operazione condotta”. Così il sindaco di Catania Enzo Bianco ha commentato la notizia dell’arresto di Concetto Bonaccorsi, uno tra i latitanti più pericolosi, incontrando il questore di Catania Giuseppe Gualtieri a Palazzo degli Elefanti. Bianco, anche nella sua veste di Presidente dell’Assemblea Nazionale dell’Anci, si è inoltre complimentato, chiamando al telefono, con il capo della Polizia, Franco Gabrielli, e con il Procuratore della Repubblica di Catania, Carmelo Zuccaro, per la brillante operazione condotta dagli agenti della Squadra Mobile di Pistoia in coordinamento con i loro colleghi di Catania.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Moderati per sopravvivere

Si torna a parlare di un partito dei “moderati” che - come ci informa Belzebù nell’articolo di questi giorni - dovrebbe mettere insieme i cespugli della politica italiana: Italia Viva di Matteo Renzi, Azione di Carlo Calenda, Più Europa di Emma Bonino e Forza  Italia o almeno una sua parte. Un’adesione che finora, però, è più una speranza che una certezza
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

Empatia e dieta

L’importanza della relazione con il professionista della salute, in una dieta per raggiungere il peso desiderabile e la cura delle emozioni. Cos'è l'empatia?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per