Mafia, chieste pene per due secoli per 37 boss e gregari dei clan di Resuttana e San Lorenzo | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Nell'ambito dell'inchiesta denominata Talea

Mafia, chieste pene per due secoli per 37 boss e gregari dei clan di Resuttana e San Lorenzo

di
25 Marzo 2019

La procura di Palermo ha chiesto la condanna a oltre 270 anni di carcere nei confronti di 37 tra capimafia, gregari ed estortori arrestati nell’inchiesta denominata Talea.

Il processo si svolge in abbreviato davanti al gup. Alla sbarra i vertici della cosca palermitana di Resuttana, tra cui Mariangela Di Trapani, moglie del boss ergastolano Salvino Madonia per cui i pm Roberto Tartaglia, Amelia Luise e Annamaria Picozzi hanno chiesto la condanna a 13 anni.

Queste le pene chieste dai pm della Dda di Palermo per 37 tra boss, gregari ed estortori dei clan di Resuttana e San Lorenzo accusati a vario titolo di mafia, estorsione, favoreggiamento, incendio, danneggiamento, trasferimento fraudolento di valori: Salvatore Ariolo, 9 anni, Filippo Bognanni 8 anni e 10 mesi, Giuseppe Biondino, 13 anni e 4 mesi, Ignazio Calderone, 6 anni e 2 mesi, Stefano Casella, 6 anni e 2 mesi, Antonino Catanzaro, 2 anni e 8 mesi, Lorenzo Crivello, 8 anni e 10 mesi, Giulio D’Acquisto, 6 anni e 2 mesi, Francesco Di Noto, 6 anni e 8 mesi, Mariangela Di Trapani, 13 anni e 4 mesi, Renato Farina, 8 anni e 10 mesi, Calogero Gambino, 2 anni, Gianluca Galluzzo, 2 anni, Ahmed Glaoui, 9 anni, Antonino La Barbera, 6 anni, Francesco Paolo Liga, 13 anni e 4 mesi, Salvatore Lo Cricchio, 13 anni e 4 mesi, Francesco Lo Iacono, 2 anni e 8 mesi, Sergio Macaluso 5 anni e 4 mesi, Bartolomeo Mancuso, 3 anni e 6 mesi, Domenico Mammi, 4 anni e 5 mesi, Giovanni Manitta, 4 anni e 8 mesi, Vincenzo Maranzano, 8 anni e 10 mesi, Sergio Napolitano, 16 anni, Giovanni Niosi, 16 anni, Concetta Niosi, un anno e 4 mesi, Rita Niosi, un anno e 4 mesi, Michele Pillitteri, 4 anni e 8 mesi, Pietro Salamone, 6 anni e 8 mesi, Pietro Salsiera, 13 anni e 4 mesi, Fabio Schiera, 8 anni e 10 mesi, Giuseppe Sgroi, 8 anni e 10 mesi, Corrado Spataro, 12 anni, Giuseppe Tarantino, 2 anni, Antonino Tumminia, 5 anni, e Massimiliano Vattiato, 13 anni e 4 mesi.

Tra gli imputati ci sono anche Sergio Macaluso che, dopo l’arresto, ha avviato la sua collaborazione con la giustizia e per cui la Procura ha chiesto la condanna a 5 anni e 4 mesi di carcere, e Giuseppe Biondino, per cui sono stati chiesti 13 anni e 4 mesi e che è il figlio del boss autista di Totò Riina, Salvatore Biondino.

Macaluso ha confermato ai pm il ruolo assunto ai vertici del clan da Mariangela Di Trapani che aveva sostituito il marito, recluso al 41 bis per scontare, tra l’altro, l’ergastolo per l’omicidio dell’imprenditore Libero Grassi.

Il pentito ha anche raccontato ai pm l’investitura di Biondino jr: avrebbe partecipato alla riunione in cui il figlio dell’ex autista di Riina venne nominato capo del clan di San Lorenzo.

L’inchiesta, che ha ricostruito gli organigrammi mafiosi di uno dei mandamenti più ricchi della città, ha accertato decine di estorsioni a imprenditori e commercianti e ha svelato che Costa nostra aveva il controllo dell’ippodromo di Palermo e delle scommesse clandestine sulle corse dei cavalli gestite dal boss Giovanni Niosi, per cui oggi sono stati chiesti 16 anni di carcere.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.