Mafia: condannato a 15 anni imprenditore edile di Castelvetrano :ilSicilia.it
Trapani

concessi tre anni di libertà vigilata quando uscirà dal carcere

Mafia: condannato a 15 anni imprenditore edile di Castelvetrano

di
8 Febbraio 2021

Nicolò Clemente, 53 anni, imprenditore edile di Castelvetrano, in provincia di Trapani, è stato condannato a 15 anni di carcere per associazione mafiosa dal Tribunale di Marsala.

I giudici (presidente del collegio: Vito Marcello Saladino) hanno escluso l’aggravante del “ruolo direttivo” in seno a Cosa Nostra, ma per l’imprenditore hanno disposto anche tre anni di libertà vigilata quando uscirà dal carcere e la confisca di beni, società e conti correnti. Per l’imputato, il pm della Dda di Palermo Alessia Sinatra aveva invocato 20 anni di reclusione.

LA VICENDA

Nel luglio 2018, Nicolò Clemente venne arrestato dagli uomini della direzione investigativa antimafia di Trapani. Furono, allora, sottoposte a sequestro preventivo anche due società edili a lui “riconducibili” (la “Calcestruzzi Castelvetrano srl” e la “Clemente Costruzioni srl”) ed eseguite diverse perquisizioni a presunti mafiosi di Castelvetrano.

L’operazione si inserì nell’ambito delle attività volte a colpire i mafiosi “vicini” al superlatitante Matteo Messina Denaro. Un’opera, si sottolineava nel comunicato della Dia, condotta anche “attraverso l’individuazione e l’eliminazione dal mercato delle imprese mafiose che costituiscono le principali fonti di approvvigionamento finanziario dell’organizzazione mafiosa castelvetranese“.

Le indagini sfociate nell’arresto di Clemente e nel sequestro delle due imprese scaturirono dalle dichiarazioni rese dal defunto collaboratore di giustizia Lorenzo Cimarosa, cugino acquisito di Matteo Messina Denaro, e in misura minore anche dall’imprenditore Giuseppe Grigoli, entrambi condannati in via definitiva in quanto ritenuti appartenenti alla famiglia mafiosa di Castelvetrano. Meno di un anno fa, sempre la Dia gli ha sequestrato anche la società “Selinos”, nonché diversi terreni, fabbricati e depositi bancari il cui valore è stato stimato in circa sei milioni di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin