Mafia: confisca beni al "re" dei supermercati dell'Agrigentino :ilSicilia.it
Agrigento

Giuseppe Burgio

Mafia: confisca beni al “re” dei supermercati dell’Agrigentino

di
4 Marzo 2021

Il tribunale di Agrigento, accogliendo la richiesta del pm della Dda di Palermo Gery Ferrara, ha disposto la confisca del patrimonio, stimato in circa 8 milioni, dell’imprenditore di Porto Empedocle Giuseppe Burgio, “re” della distribuzione alimentare nell’Agrigentino.

Del “tesoro” sequestrato in primo grado i giudici hanno restituito all’imprenditore la società new project marbles. La misura di prevenzione patrimoniale segue l’indagine della Direzione distrettuale antimafia che contesta a Burgio, già arrestato nel 2018 per bancarotta fraudolenta, intestazione fittizia di beni e riciclaggio.

Nel provvedimento, che confisca beni immobili, conti correnti, auto e attività imprenditoriali dell’indagato, i giudici sottolineano i rapporti consolidati che legavano l’imprenditore ai vertici della mafia agrigentina. Secondo gli inquirenti Burgio avrebbe assunto nei suoi supermercati, su indicazione del capomafia di Canicattì Antonino Di Caro, uomini d’onore, tra cui il boss Falzone, poi diventato collaboratore di giustizia e suo accusatore.

Dalle indagini sarebbe emerso anche che volendo aprire un negozio a Gela tramite intermediari Burgio aveva contattato il clan locale concordando il luogo in cui avviare l’attività e la scelta dei fornitori. I giudici descrivono Burgio come “un imprenditore perfettamente calato in una realtà sociale profondamente condizionata dal fenomeno mafioso” e convinto che venire a patti con i clan fosse un costo d’impresa inevitabile.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin