Mafia, confisca da 2milioni a Palermo: tra i beni gioielleria a Milano :ilSicilia.it
Palermo

la scoperta

Mafia, confisca da 2milioni a Palermo: tra i beni gioielleria a Milano

di
1 Agosto 2021

Beni del valore di circa due milioni di euro sono stati confiscati dalla polizia di Palermo a Gaetano Fontana di
45 anni, ritenuto dagli investigatori esponente della famiglia mafiosa dell’Acquasanta.

Il patrimonio confiscato, gia’ oggetto dei provvedimenti di sequestro eseguiti sempre dalla polizia nel marzo e nel giugno del 2019, e’ composto da tre beni immobili a Milano, sei rapporti finanziari ammontanti complessivamente a circa 50.000 euro e un’impresa commerciale attiva nel settore della gioielleria, con sede a Milano nel cosiddetto “quadrilatero della moda”, formalmente intestata alla convivente, ma di fatto riconducibile a Fontana. Oggetto della confisca e’ anche il complesso aziendale della societa‘: numerosi orologi di lusso, gioielli (orecchini, collane, bracciali e anelli in materiali e pietre preziosi), gemme sfuse, alcuni dei quali ritrovati a seguito delle operazioni di perquisizione e sequestro eseguite dai finanzieri di Palermo nelle abitazioni dello stesso Fontana e del fratello e la sorella Angelo e Rita, nell’ambito dell’operazione denominata “Coffee Break” nel maggio 2019.

Il provvedimento di confisca e’ stato notificato in carcere a Fontana, attualmente detenuto per mafia per avere diretto e organizzato con ruolo apicale la famiglia mafiosa dell’Acquasanta e per reati relativi al trasferimento fraudolento di valori e per diverse ipotesi di intestazione fittizia di beni.

Gaetano Fontana e’ figlio di Stefano, 66 anni, morto nel settembre 2013, reggente della famiglia mafiosa Arenella-Acquasanta e condannato in via definitiva per mafia. Stefano era legato da rapporti di parentela anche con Vincenzo Galatolo, 77 anni, quest’ultimo reggente della famiglia mafiosa del quartiere “Acquasanta” di Palermo, condannato all’ergastolo per l’omicidio del generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. Sulla base dell’acclarata pericolosita’ sociale, qualificata dall’appartenenza al sodalizio mafioso Cosa Nostra – sottolineano gli investigatori – sono stati svolti dalla Questura di Palermo articolati accertamenti patrimoniali nei confronti del nucleo familiare di Gaetano Fontana che hanno permesso di evidenziare una notevole sproporzione economica tra i redditi dichiarati, ben inferiori alle ordinarie spese di mantenimento di una famiglia e gli investimenti patrimoniali fatti, invece, per l’acquisto dei beni oggetto della confisca.

Alla luce degli accertamenti e’ stato possibile dimostrare come i beni, sebbene fittiziamente intestati alla sua convivente fossero in realta’ riconducibili a Gaetano Fontana e potessero evidentemente ritenersi frutto del reimpiego delle ricchezze illecitamente accumulate, derivanti dall’attivita’ delittuosa svolta in qualita’ di appartenente a Cosa Nostra.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin