Mafia, confiscato a Palermo il patrimonio milionario al 're delle cave' :ilSicilia.it
Palermo

A Giuseppe Bordonaro

Mafia, confiscato a Palermo il patrimonio milionario al ‘re delle cave’

di
31 Marzo 2020

Confiscati a Palermo i beni dell’imprenditore Giuseppe Bordonaro, 60 anni, il “re delle cave. Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Palermo su disposizione della Dia.

Il provvedimento, chiesto dal pm Gery Ferrara, riguarda quote societarie, conti correnti, investimenti finanziari, beni mobili e immobili per milioni di euro.

Bordonaro, in società con i fratelli Pietro e Benito, – la confisca colpisce anche loro – operava nel settore cave di pietra con produzione e commercializzazione del calcestruzzo, dei conglomerati bituminosi, del cemento, del materiale per costruzioni e del marmo.

Nella cava Bordonaro si realizzava la pietra di Billiemi, marmo molto pregiato.

L’imprenditore è stato condannato a 4 anni e 6 mesi per associazione mafiosa, è ritenuto uomo di fiducia di Angelo Siino, l’uomo della mafia nella gestione illecita degli appalti.

Secondo gli inquirenti, grazie alla sua appartenenza a Cosa nostra, Bordonaro avrebbe consolidato la sua posizione nel settore degli appalti riuscendo ad aggiudicarsi commesse pubbliche.

A carico dell’imprenditore, che ha subito due sequestri, uno nel 2011 per 11 milioni di euro, l’altro nel 2014 per altri 5 milioni, ci sono le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia Baldassare Di Maggio, Calogero Ganci e Salvatore Cangemi.

I pentiti hanno raccontato che l’imprenditore siciliano era tra i beneficiari del cosiddetto “metodo Siino”, sistema di spartizione mafiosa dei lavori pubblici. I Bordonaro ad esempio fecero la fornitura del calcestruzzo per la costruzione dell’ex Pretura di Palermo.

Condannato nel 2007, l’imprenditore aveva posto in liquidazione tutte le sue società, poi ricostituite e intestate ai fratelli Pietro e Benito. Il vincolo che legava la famiglia a Cosa nostra fu confermato da un “pizzino“, trovato ai mafiosi Salvatore e Sandro Lo Piccolo al momento del loro arresto avvenuto il 5 novembre 2007.

Nel biglietto, riferibile a dei lavori in subappalto eseguiti a Punta Raisi, si leggeva: “Bordonaro – Palermo – tu sai chi è”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.