Mafia: danni a parenti del "pentito" Giarrizzo ed estorsioni,15 arresti :ilSicilia.it
Catania

LE INDAGINI

Mafia: danni a parenti del “pentito” Giarrizzo ed estorsioni,15 arresti

di
6 Marzo 2021

Un furgoncino per la vendita di panini di un familiare del collaboratore di giustizia Salvatore Giarrizzo danneggiato a ridosso di una importante udienza in cui avrebbero dovuto utilizzarsi le dichiarazioni del “pentito”.

È uno degli episodi di intimidazione mafiosa contestati dalla Dda della Procura di Catania a esponenti del clan Scalisi di Adrano nel provvedimento, eseguito dalla polizia, che ha portato al fermo di 15 di loro. Il Gip, in sede di convalida, ha disposto il carcere per 14 degli indagati e gli arresti domiciliari per un quindicesimo.

I reati contestati, a vario titolo, sono associazione mafiosa, detenzione e porto di armi da fuoco, estorsioni, traffico e spaccio di cocaina e marijuana con l’aggravante di avere favorito il clan mafioso Scalisi.

Dalle indagini dell’operazione Triade condotte dal commissariato di Adrano e dalla squadra mobile della Questura di Catania emerge il ruolo apicale assunto da Salvatore Calcagno, nipote ed effettivo erede del boss Giuseppe Scarvaglieri, attualmente detenuto in regime di 41bis, il cosiddetto “carcere duro”.

Secondo la polizia è “operativo e fautore delle decisioni più rilevanti sulle dinamiche del sodalizio pur essendo, la sua presenza, discreta e meno visibile rispetto alla componente operativa di strada“.

Delineato anche il ruolo di Massimo Neri, già indicato da numerosi collaboratori di giustizia come esattore delle estorsioni riconducibili al clan Scalisi, accusato di avere “riorganizzato la cosca mafiosa assumendone il controllo almeno fino alla scarcerazione di Carmelo Scafidi“.

Le indagini hanno anche documentato i “costanti rapporti tra Neri e Antonio Luca Josè Pappalardo, ritenuto esponente della frangia territoriale del clan mafioso Laudani operante nel quartiere popolare Canalicchio di Catania“, a dimostrazione della collaborazione tra le due cosche. La polizia ha fatto luce anche su cinque estorsioni ai danni di altrettanti operatori commerciali di Adrano.

I provvedimenti restrittivi sono stati emessi dai Gip di Catania e Lagonegro, per un caso, su richieste della Dda etnea basate su indagini della polizia avviate nel marzo del 2019 ed conclusesi due anni dopo.

Nell’ambito dell’inchiesta Triade sono stati registrati particolari momenti di tensione tra gli appartenenti al clan Scalisi e quelli riconducibili ad un altro gruppo criminale emergente di Adrano culminati nell’esplosione di colpi d’arma da fuoco contro di Salvatore Giarrizzo e Francesco Vitanza.

Dopo la sparatoria, come documentato da immagini di impianti di video sorveglianza, all’interno di una ex palestra di Adrano, il 21 agosto del 2019, si è tenuto un summit tra esponenti dei clan Scalisi, Santangelo-Taccuni e della “famiglia” Laudani di Catania.

Le indagini hanno fatto emergere il “forte disappunto tra gli affiliati al clan Scalisi, in particolare in Massimo Neri“, per la collaborazione con la giustizia di Salvatore Giarrizzo, avviata nell’estate del 2020, tanto da “progettare atti intimidatori nei suoi confronti e della sua famiglia, finalizzati a fargli ritrattare le dichiarazioni rese nei confronti degli ex compagni e di appartenenti ad altri gruppi mafiosi“.

I destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere sono: Giovanni Marco Arcidiacono, 23 anni; Ivan Atri, 31; Gianluca Galvagno, 33; Giuseppe Lo Cicero, 31; Tino Neri, 40; Antonio Luca Josè Pappalardo, 42; Carmelo Scafidi, 54; Andrea Stissi, 24; Pietro Severino, 64; Salvatore Severino, 42; Francesco Vitanza, 19; Claudio Barbera, 21; Giuseppe Fichera, 23 anni.

Massimo Neri, 37 anni è stato fermato dalla polizia in Campania: il Gip di Lagonegro ha emesso un’ordinanza in carcere rinviando gli atti a Catania per competenza territoriale. Il Gip di Catania ha infine disposto gli arresti domiciliari per Nunzio Costa, 35 anni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin