Mafia dei pascoli, l'intercettazione su Antoci: "Ci vorrebbero 5 colpi di pistola" :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti
Messina

Contro l'ex presidente del Parco dei Nebrodi

Mafia dei pascoli, l’intercettazione su Antoci: “Ci vorrebbero 5 colpi di pistola”

di
18 Gennaio 2020

“Ci vorrebbero cinque colpi per farla finita definitivamente con tutto questo gruppo di Antoci, Manganaro e gli altri”: sarebbero le parole di un pregiudicato di Tortorici riportate in un’informativa dei carabinieri del Ros.

Parole riferite all’allora presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci e al dirigente del commissariato di Polizia di Sant’Agata di Militello Daniele Manganaro.

Nel 2016, per come si evince nell’annotazione dei Ros, tale soggetto nel dialogo con altri sodali “lamentando la gravità della contingente situazione… ne evidenziava la valenza dannosa ed il pericolo di rovina per tutti loro – caratterizzata da una restrizione nell’accesso ai contributi e dall’incremento dei controlli”.

antoci attentato
Foto Ansa, attentato Antoci

“Apprendo dell’annotazione dei Ros – afferma Antoci, sfuggito a un agguato su cui di recente la Commissione Regionale Antimafia ha sollevato dubbiche non fa altro che confermare il clima di odio che si respirava per la creazione del protocollo di Legalità che, come ha anche ben dimostrato l’operazione della Dda di Messina, dei Ros e della Guardia di Finanza, ha stroncato gli affari milionari della mafia. Il loro rancore è per me una medaglia, oggi più che mai. I fondi europei per l’agricoltura adesso vadano agli agricoltori e allevatori perbene che sono la
stragrande maggioranza in questo Paese ed è per loro e per la loro dignità che abbiamo lavorato con passione”.

Nei giorni scorsi è stata compiuta un’operazione contro quelle che è stata definita la “mafia dei pascoli” e che ha portato al sequestro di 151 imprese e all’arresto di 94 persone: boss, gregari, prestanome e insospettabili professionisti come un notaio.

 

 

LEGGI ANCHE:

Colpo alla mafia dei Nebrodi: 94 arresti. I clan puntavano sulle truffe all’Ue

Mafia dei Nebrodi, arrestato anche il sindaco di Tortorici

Attentato ad Antoci? “Tracce di mafia in questa vicenda non ce ne sono” | VIDEO INTERVISTA

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti