Mafia dei pascoli, l'intercettazione su Antoci: "Ci vorrebbero 5 colpi di pistola" :ilSicilia.it
Messina

Contro l'ex presidente del Parco dei Nebrodi

Mafia dei pascoli, l’intercettazione su Antoci: “Ci vorrebbero 5 colpi di pistola”

di
18 Gennaio 2020

“Ci vorrebbero cinque colpi per farla finita definitivamente con tutto questo gruppo di Antoci, Manganaro e gli altri”: sarebbero le parole di un pregiudicato di Tortorici riportate in un’informativa dei carabinieri del Ros.

Parole riferite all’allora presidente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci e al dirigente del commissariato di Polizia di Sant’Agata di Militello Daniele Manganaro.

Nel 2016, per come si evince nell’annotazione dei Ros, tale soggetto nel dialogo con altri sodali “lamentando la gravità della contingente situazione… ne evidenziava la valenza dannosa ed il pericolo di rovina per tutti loro – caratterizzata da una restrizione nell’accesso ai contributi e dall’incremento dei controlli”.

antoci attentato
Foto Ansa, attentato Antoci

“Apprendo dell’annotazione dei Ros – afferma Antoci, sfuggito a un agguato su cui di recente la Commissione Regionale Antimafia ha sollevato dubbiche non fa altro che confermare il clima di odio che si respirava per la creazione del protocollo di Legalità che, come ha anche ben dimostrato l’operazione della Dda di Messina, dei Ros e della Guardia di Finanza, ha stroncato gli affari milionari della mafia. Il loro rancore è per me una medaglia, oggi più che mai. I fondi europei per l’agricoltura adesso vadano agli agricoltori e allevatori perbene che sono la
stragrande maggioranza in questo Paese ed è per loro e per la loro dignità che abbiamo lavorato con passione”.

Nei giorni scorsi è stata compiuta un’operazione contro quelle che è stata definita la “mafia dei pascoli” e che ha portato al sequestro di 151 imprese e all’arresto di 94 persone: boss, gregari, prestanome e insospettabili professionisti come un notaio.

 

 

LEGGI ANCHE:

Colpo alla mafia dei Nebrodi: 94 arresti. I clan puntavano sulle truffe all’Ue

Mafia dei Nebrodi, arrestato anche il sindaco di Tortorici

Attentato ad Antoci? “Tracce di mafia in questa vicenda non ce ne sono” | VIDEO INTERVISTA

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.