Mafia: duro colpo all'ex reggente del clan Ercolano, sequestro da due milioni di euro :ilSicilia.it
Catania

OPERAZIONE DELLA GDF DI CATANIA

Mafia: duro colpo all’ex reggente del clan Ercolano, sequestro da due milioni di euro

di
11 Dicembre 2019

La guardia di finanza di Catania, in collaborazione con lo Scico, ha sequestro un patrimonio di beni del valore di oltre due milioni di euro all’ex reggente del clan Ercolano, Antonio Tomaselli, 53 anni, detenuto dal novembre 2017.

Secondo la Dda della Procura è stato organico alla famiglia Santapaola-Ercolano e dal 2002, con questa accusa, è stato più volte imputato e condannato.

Nel 2017 gli viene contestato il ruolo di responsabile operativo della cosca che lo porta anche ad avere scontri all’interno del clan e ad organizzare tentati omicidi per mantenere e estendere la sua leadership criminale.

In quell’occasione, i carabinieri gli sequestrano anche il libro mastro con la contabilità della famiglia mafiosa.

Le indagini patrimoniali sono state eseguite dei militari del nucleo di polizia economico – finanziaria di Catania.

I beni sequestrati sono la Conti calcestruzzi di Misterbianco e la Etnea autoservizi, che gestisce un garage nel centro di Catania, in via Cimarosa, dove si sarebbero tenuti dei summit mafiosi.

L’INDAGINE

Gli approfondimenti effettuati dagli specialisti del G.I.C.O. di Catania, su delega del Gruppo di lavoro delle Misure di Prevenzione di quest’Ufficio, sono consistiti nella messa a sistema di un vasto compendio indiziario a carico di Tomaselli tratto dall’esame della documentazione bancaria e contabile, dalle evidenze di atti pubblici e scritture private, dalle dichiarazioni di collaboratori di giustizia e dalle intercettazioni effettuate nell’ambito dei molteplici procedimenti in cui è stato imputato per delitti di mafia.

L’ipotesi di intestazione fittizia della “Conti calcestruzzi” è stata confermata dal Tribunale di Catania in funzione di riesame, dove è stata sottolineata l’assidua frequenza nella sede di Tomaselli, il cui cognato tra l’altro risultava gestire un conto corrente on-line della società. Lo storico immobile sede dell’autorimessa “Etnea Servizi” venne acquistato dalla famiglia Tomaselli con una locazione finanziaria stipulata nel 2005.

Il perfezionamento della locazione finanziaria si realizzò con un versamento iniziale di oltre 300 mila euro da parte della famiglia Tomaselli, con il pagamento di un canone mensile di circa 9.000 euro e con un riscatto finale di 350 mila euro che sarebbe stato versato nel 2024.

Secondo quanto accertato, le risorse impiegate per il rilevante acquisto immobiliare avrebbero avuto una fonte illecita: l’impegno finanziario di Tomaselli non sarebbe stato giustificato dalle dichiarate capacità reddituali e sarebbe stato sproporzionato rispetto alle proprie possibili economiche.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.