Mafia e malavita comandano il mercato ortofrutticolo di Vittoria :ilSicilia.it

la relazione della commissione antimafia

Mafia e malavita comandano il mercato ortofrutticolo di Vittoria

8 Novembre 2019

La commissione Antimafia della Regione Siciliana, mette a segno un’altra relazione. Questa volta lo scenario riguarda Vittoria e il suo enorme mercato ortofrutticolo. Il secondo mercato agricolo italiano per estensione (246.000 mq e 74 box operativi) e per volume di compravendite.

Una realtà economica di primissimo piano che da sempre ha attirato gli interessi della malavita organizzata, e non solo di quella locale, così come rilevato dalle risultanze di numerose indagini”. Stidda, Cosa nostra, ‘Ndrangheta, Camorra, sono loro a varcare i cancelli del mercato imponendo il loro potere.

L’indagine sul mercato ortofrutticolo di Vittoria prende spunto dal provvedimento di scioglimento del comune di Vittoria del 2 agosto 2018 nel quale vengono “accertate gravissime inefficienze e criticità” da parte dell’Amministrazione, nella gestione del mercato che rappresenta “un vero e proprio polo di attrazione per gli interessi delle associazioni di tipo mafioso non solo locali”.

Numerose sono le criticità evidenziate dalla relazione. Quella che salta agli occhi più di tutti è quella riferita appunto alle inefficienze dell’ente comunale, da cui dipende il mercato che, nel corso degli anni, “hanno contribuito alla genesi di un contesto criminogeno”.

Si legge nelle pagine della relazione: “l’interesse del clan Dominante-Carbonaro è nei fatti acclarato. Eppure all’epoca non fu percepito dal dirigente del Settore sviluppo economico del Comune di Vittoria, il dottor Basile; il quale, però, nel corso della sua audizione non ha potuto fare a meno di rappresentare alla Commissione quale fosse il suo stato d’animo all’atto della sua nomina: paura”.

A condire lo scenario “criminoso” si aggiunge anche un protocollo di legalità che fa acqua da tutte le parti, l’assenza di un direttore del mercato ed una “commissione mercato” formato dal sindaco, dai sindacati come Coldiretti e Lega Coop, dalla camera di commercio ed altre rappresentanze tra produttori e istituzioni che ha svolto un ruolo del tutto “marginale”.

Afferma l’ex Questore di Ragusa, Salvatore La Rosa, che proprio in questi giorni si è insediato a Trapani, ascoltato dalla commissione Antimafia all’Ars presieduta da Claudio Fava: “La cosa che è emersa immediatamente e che era già emersa, ma che è emersa ancora più in maniera virulenta negli ultimi mesi dell’anno passato è stata la totale assenza di controlli all’interno del mercato. Ci sono stati e ci sono dei soggetti che hanno una capacità di intimidazione già di per sé di un certo spessore, e in alcuni casi la cui sola presenza può condizionare prezzi, può condizionare concessionari, può condizionare coloro che conferiscono e quindi che chiaramente insomma questa situazione doveva essere monitorata… Purtroppo, tutti coloro i quali nel tempo si sono avvicendati aventi delle responsabilità nell’ambito del mercato, si sono sottratti a questa responsabilità perché sicuramente andavano a toccare interessi che non erano conducenti a fini politico-amministrativi, per dirlo in chiarezza”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.