Mafia e movida: arrestata per riciclaggio la figlia di un boss messinese :ilSicilia.it
Messina

il fatto

Mafia e movida: arrestata per riciclaggio la figlia di un boss messinese

di
28 Settembre 2021

Sequestrati due bar in pieno centro di Messina, luogo di ritrovo della movida cittadina, oltre a immobili e auto, a un clan mafioso. Arrestata la figlia del boss.

Blitz dei finanzieri del Comando provinciale che hanno eseguito la misura cautelare a carico di una 26enne, figlia del boss messinese di 46 anni, Salvatore Sparacio, con il contestuale sequestro di due bar nel centralissimo corso Cavour, beni immobili e mobili per un valore stimato di oltre 1 milione di euro. La giovane e’ accusata di intestazione fittizia di societa’, beni immobili ed autovetture, in realta’ riferibili al padre che continuava a gestirli.

Salvatore Sparacio, fratello dello storico boss poi divenuto collaboratore di giustizia, e’ stato coinvolto, nell’aprile scorso, nell’operazone “Provinciale”, che ha smantellato il gruppo criminale attivo nel Rione Ariella, conosciuto come Fondo Pugliatti. Le indagini dirette dalla Direzione distrettuale antimafia di Messina ed eseguite dagli specialisti del Gico della Guardia di finanza peloritana avevano documentato come il clan mafioso costituisse un importante riferimento per le scommesse illecite, tanto da spuntare commissioni del 40% sugli incassi, forte anche di consolidati rapporti con dirigenti maltese del settore, rilevando, pericolose connessioni con esponenti della politica locale. Nell’aprile del 2020, in pieno lockdown, fece scalpore il funerale del padre di Sparacio, in violazione di tutte le norme anti Covid all’epoca vigenti.

Il provvedimento di oggi interviene dopo il recente riconoscimento, da parte del Tribunale del Riesame, dell’esistenza e autonoma operativita’ del clan mafioso, inizialmente ritenuto subordinato a un altro clan. Nel merito, su appello della Dda, il Riesame ha affermato come i rapporti tra i due boss e i due clan fossero caratterizzati da un patto di “non belligeranza in forza del quale il referente di un gruppo criminale interviene nei momenti di difficolta’ attraversati dal gruppo concorrente, cosi’ disponendo l’aggravamento della misura cautelare nei confronti dei partecipi degli indagati inizialmente posti ai domiciliari e poi condotti, in questo mese, nelle carceri di Messina e Caltanissetta.

Nella medesima direzione, la circostanza che il gruppo legato a Sparacio appoggiasse, nelle elezioni del 2018, candidati diversi da quelli appoggiati dall’altro gruppo mafioso: gruppi mafiosi autonomi, dunque, dotati di autonomo spessore e carisma criminale. Il provvedimento di sequestro ha interessate oltre ai due bar nel centralissimo corso Cavour, anche una quota pari al 25% di una srls, con sede a Messina ed operante del settore della consulenza pubblicitaria, due fabbricati, un’auto e denaro contante pari a 15 mila euro, il tutto per un valore complessivo di stima pari a 1,1 milioni.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin