Mafia e politica: a Palermo attesa per la richiesta di scarcerazione del costruttore Sansone :ilSicilia.it
Palermo

arrestato per scambio elettorale

Mafia e politica: a Palermo attesa per la richiesta di scarcerazione del costruttore Sansone

di
27 Giugno 2022

Il tribunale del Riesame si è riservato la decisione sulla richiesta di scarcerazione presentata dal costruttore mafioso Agostino Sansone, arrestato prima delle elezioni comunali per scambio elettorale politico-mafioso insieme al candidato di Forza Italia al Consiglio Comunale di Palermo Pietro Polizzi e al suo collaboratore Manlio Porretto.

Porretto ha rinunciato al riesame, mentre Polizzi non ha presentato richiesta di scarcerazione. I giudici depositeranno il provvedimento nei prossimi giorni. La Procura di Palermo – l’inchiesta è coordinata dall’aggiunto Paolo Guido – si è opposta alla richiesta di scarcerazione e ha depositato tre nuove intercettazioni a carico degli indagati. Domani, invece, si terrà l’udienza davanti al Riesame che dovrà decidere della scarcerazione di un altro candidato consigliere comunale, Francesco Lombardo, di Fdi e del boss Vincenzo Vella, accusati anche loro di scambio elettorale politico-mafioso, finiti in carcere a ridosso delle elezioni. Anche in questo caso, secondo i pm, il politico avrebbe chiesto l’appoggio elettorale del mafioso mettendosi a disposizione della cosca.

Tre nuove intercettazioni potrebbero aggravare le posizioni di Agostino Sansone, costruttore mafioso che ospitò Totò Riina durante la latitanza, del suo collaboratore Manlio Porretto e dell’aspirante consigliere comunale di Forza Italia Pietro Polizzi. Tutti e tre sono stati arrestati prima delle ultime Comunali con l’accusa di scambio elettorale politico-mafioso.

Il politico avrebbe chiesto l’appoggio elettorale di Sansone e in cambio si sarebbe messo a disposizione. Le intercettazioni sono state depositate dalla Procura di Palermo che ha svolto l’inchiesta agli atti del procedimento in corso davanti al tribunale del Riesame a cui Sansone ha fatto istanza di scarcerazione. In una, che risale al 25 maggio, il boss della Noce, Giancarlo Seidita, si rivolge a Sansone per ottenere l’autorizzazione a chiedere il ‘pizzo’ ad alcuni imprenditori. Sansone si informa per capire se le vittime siano legate ad ambienti mafiosi e alla fine dà l’ok al taglieggiamento suggerendo addirittura a Seidita di aumentare la richiesta della tangente.

Le conversazioni, per gli inquirenti, proverebbero il calibro mafioso di Sansone ritenuto dal capomafia Seidita un interlocutore autorevole, tanto da poter decidere di questioni importanti come le estorsioni. In un’altra conversazione intercettata, invece, Polizzi si sarebbe vantato con la madre dei suoi rapporti con il mafioso Giuseppe Mannino, indicandolo come “il 41-bis”, espressione usata per dare l’idea del peso mafioso dell’uomo.

Infine, da altre registrazioni è emerso che Polizzi, impiegato di Riscossione Sicilia, in cambio di soldi, avrebbe fatto annullare debiti col fisco di Sansone e che, dopo aver ricevuto 1500 euro dal costruttore, avrebbe cancellato una cartella esattoriale di 37mila euro destinata a Porretto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv

Blog

di Renzo Botindari

Election Day! Che bella parola

Nessuno mette in discussione che la nostra classe politica sappia fare dialettica e litigare a difesa delle proprie posizioni, o sappia addirittura demonizzare l’avversario, ma alla fine della elezioni chi uscirà vincitore dovrà governare

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Primarie: un pasticcio alla siciliana

Nelle settimane scorse mentre dirigenti del PD siciliano si sbracciavano per spingere i propri iscritti e simpatizzanti a partecipare alle primarie e sostenere con il voto Caterina Chinnici, la candidata del partito, a Roma si consumava l’esperienza del governo Draghi.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro