Mafia e traffico di droga, nove arresti a Carini. In manette il nuovo boss del paese | ilSicilia.it :ilSicilia.it

Mafia e traffico di droga, nove arresti a Carini. In manette il nuovo boss del paese

di
6 Giugno 2019

Una vasta operazione antimafia condotta dalla Polizia di Stato volta a disarticolare i vertici della famiglia mafiosa di Carini si è svolta stamattina all’alba in provincia di Palermo.

Gli investigatori della Squadra Mobile hanno arrestato nove persone accusate, a vario titolo, dei reati di associazione mafiosa e detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Al centro dell’inchiesta c’è colui che è ritenuto essere l’attuale capo della famiglia di Carini: Antonino Di Maggio, il cui nome era già venuto fuori tre anni fa in un’inchiesta che aveva permesso di risalire a un vasto traffico di droga.

Le indagini hanno permesso inoltre di evidenziare come gli esponenti della famiglia mafiosa di Carini controllassero in modo capillare il territorio, sottoponendo ad estorsione gli operatori economici della zona. Questi ultimi, prima di intraprendere qualsiasi attività, dovevano, inoltre, ottenere una sorta di “autorizzazione” preventiva da parte della famiglia, per poter cominciare a lavorare. Una sorta di “nulla osta” della mafia all’apertura di ogni nuova attività commerciale.

A Carini negli ultimi anni sono stati messi a segno i più grossi sequestri di droga. Il nome del nuovo capomafia era emerso nel corso dell’operazione che aveva consentito l’arresto di Alessandro Bono, titolare di pompe funebri accusato di traffico di stupefacenti.

Lo scorso anno nella zona industriale è stato fatto il più grosso sequestro di droga: 1470 chili di hashish che viaggiavano sui tir.

Tra i vertici dell´organizzazione dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti figurano un narcotrafficante di livello internazionale che curava personalmente l’importazione di cocaina dal Sud America e un’altra persona già condannata per analoghi reati nel corso del processo Addio Pizzo 5.

I nomi degli arrestati nel corso dell’operazione antimafia a Carini della squadra mobile di Palermo: Antonino Di Maggio, 64 anni, Vincenzo Passafiume, 69 anni, Salvatore Amato, 58 anni, Fabio Daricca, 41 anni, Alessandro Bono, 40 anni, Antonino Vaccarella, 36 anni, Salvatore Lo Bianco, 24 anni, Giuseppe Darrica, 29 anni, Giuseppe Patti, 37 anni. Di Maggio, Bono e Fabio Daricca l’ordinanza è stata notificata in carcere.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.