23 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.42
Palermo

Operazione della Guardia di Finanza

Mafia ed estorsioni, due persone arrestate a Palermo

16 Maggio 2018

I finanzieri del G.i.c.o. del nucleo polizia Economico-Finanziaria di Palermo, sotto la direzione della Direzione distrettuale antimafia, hanno arrestato due persone accusate di estorsione aggravata dal metodo mafioso nei confronti dei titolari di una storica attività commerciale palermitana del settore dell’abbigliamento. Con l’accusa di essere il mandante dell’estorsione è stato arrestato Luigi Salerno, 71 anni già condannato per mafia.

Esecutore materiale sarebbe il genero Giuseppe Bosco, 48 anni, accusato di aver minacciato le vittime per farsi dare il denaro. A incastrare i due una conversazione intercettata in auto in cui Salerno diceva a Bosco “più tardi dovresti andare da quello di là e t’anna a dare i picciuli (ti devono dare i soldi) ci dici Pasqua ci dici m’ha dare i picciuli omissis (gli dici mi devi dare i soldi)” e ancora “e chistu che c’ha ggiri e n’ha dare a risposta (ci devi andare e ci deve dare una risposta) ora ci vai e vedi cosa ti dici ava a dari cinquecentomila perché per Pasqua l’ama a portare!”.

I due avrebbero fatto una serie di richieste di denaro ai proprietari dell’attività commerciale che sono stati costretti a cedere alle minacce.

Le indagini tecniche hanno permesso di riscontrare, mediante videoriprese ed intercettazioni, come Bosco abbia dato seguito agli ordini di Salerno riscuotendo complessivamente 1600 euro suddivisi in due tranche di 600 e 1000 euro corrisposti rispettivamente il 20 maggio ed il 27 agosto 2016.

E’ anche emerso che i due arrestati hanno inoltrato un’ulteriore richiesta di denaro di 1000 euro che avrebbe dovuto essere corrisposta dopo il 27 agosto 2016.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.