Mafia: furti al cantiere del giardino di Capaci dedicato a Falcone, sgominata gang :ilSicilia.it
Palermo

l'operazione "Stele"

Mafia: furti al cantiere del giardino di Capaci dedicato a Falcone, sgominata gang

di
29 Luglio 2020

L’inchiesta che ha portato all’operazione Stele (IL VIDEO QUI) contro due bande criminali a Palermo è cominciata nel febbraio 2017 dopo un furto ai danni di una ditta di fornitura di materiale edile di Lascari (Pa) e si è conclusa nel giugno 2019.

Fra gli innumerevoli furti, ricostruiti con una sofisticata attività tecnica con intercettazioni telefoniche, ambientali e servizi di videosorveglianza, gli investigatori sottolineano quello del 6 marzo 2017 nel cantiere attrezzato per la realizzazione del giardino della memoria “Quarto Savona Quindici”, monumento, costruito in occasione della ricorrenza del 25° anniversario della strage del 23 maggio 1992 e dedicato agli uomini della scorta del giudice Giovanni Falcone, che ha fatto rischiare di compromettere la celebrazione.

Gli investigatori hanno documentato “la formazione di un nuovo gruppo criminale, dopo il mutamento degli equilibri interni del sodalizio principale capeggiato dai Cintura: uno dei componenti si era allontanato unendosi a un nuovo gruppo, del quartiere Zen 2, che prendeva di mira diversi obiettivi di pubblica utilità quali la discarica di Bellolampo e l’acquedotto comunale”.

Il clan Cintura controllava le zone in cui gestiva il potere criminale chiedendo soldi per feste di quartiere ai commercianti e imponendo tasse a chi volesse aprire banchi nei mercatini o qualsiasi attività commerciale.

 

 

LEGGI ANCHE:

Mafia, furti e droga: sgominate due bande allo Zen e al Cep di Palermo | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.