Mafia, giudici: "Niceta vicino a Cosa nostra, ma il patrimonio è lecito" :ilSicilia.it
Palermo

dissequestrato il patrimonio dal valore di 50 milioni

Mafia, giudici: “Niceta vicino a Cosa nostra, ma il patrimonio è lecito”

di
9 Ottobre 2018

I giudici della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo hanno dissequestrato il patrimonio degli imprenditori palermitani Niceta, sotto sigilli dal 2013 su richiesta della Procura. Si tratta di società e immobili del valore di 50 milioni di euro. Per i Niceta è il secondo provvedimento favorevole. La corte d’appello aveva già annullato un sequestro disposto dal tribunale di Trapani.

Secondo gli inquirenti il capostipite della famiglia Niceta, Mario, e i figli, titolari di una serie di negozi di abbigliamento, avrebbero accumulato il loro tesoro grazie ai legami con Cosa nostra. Dopo il sequestro tutti i punti vendita hanno chiuso i battenti.

A carico dei Niceta sono stati disposti due provvedimenti: uno su proposta del questore di Trapani che ha colpito i negozi “Blue Spirit” e “Niceta Oggi”, l’altro su proposta dei pm di Palermo che aveva ad oggetto l’intero patrimonio della famiglia.

A Trapani avevano contestato ai Niceta di essere prestanome del boss Filippo Guttadauro: tesi che non ha retto al processo d’appello. A Palermo a loro carico erano state prodotte le dichiarazioni del pentito Angelo Siino, che aveva indicato il capostipite della famiglia come prestanome di Giuseppe Abbate, capo della famiglia mafiosa di Roccella, e quella di Massimo Ciancimino che aveva raccontato di un summit con Bernardo Provenzano e padre, don Vito, a cui avrebbe partecipato anche Mario Niceta.

Mario Niceta avrebbe fornito il suo contributo “Nell’operazione di occultamento di partecipazione societarie da parte di soggetti mafiosi di calibro, di conseguente riciclaggio del denaro investito nelle società Cater Bond e Parabancaria, nella successiva gestione dell’attività d’impresa anche con modalità mafiose“.

E’ il severo giudizio dei magistrati della sezione misure di prevenzione del tribunale di Palermo che, pur concordando con l’accusa, sulla “Pericolosità sociale” dell’imprenditore palermitano, ormai deceduto, hanno dissequestrato e ridato agli eredi il suo patrimonio.

I magistrati a conferma della “mafiosità” di Niceta citano le dichiarazioni dei pentiti Angelo Siino e Tullio Cannella e parlano di “Cointeressenze illecite” di Niceta e del suo contributo a Cosa nostra.

I giudici, però, sostengono che se c’è prova di un inquinamento mafioso in relazione alla Cater Bonde alla Parabancaria, le accuse riguardo alle altre attività economiche dell’imprenditore sono “generiche“.

Lo specifico profilo di pericolosità – scrivono i magistrati – riconosciuto non risulta abbia dato luogo ad ulteriori univoche manifestazioni in epoca successiva alla cessazione dell’attività delle imprese mafiose“.

– proseguono – ha trovato conferma l’ipotesi di un successivo reinvestimento di somme provenienti da Cosa nostra nel proprio patrimonio o in ulteriori attività imprenditoriali di terzi“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin