Mafia: il "Re dell'eolico" Nicastri assolto in appello da concorso esterno :ilSicilia.it
Trapani

Riformata sentenza in appello, in primo grado condannato a 9 anni

Mafia: il “Re dell’eolico” Nicastri assolto in appello da concorso esterno

di
21 Gennaio 2021

Cade la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa a carico dell’imprenditore trapanese Vito Nicastri, noto come “re dell’eolico” per avere accumulato una fortuna con le energie rinnovabili.

La Corte d’appello di Palermo, riformando la sentenza di primo grado, lo ha assolto dal reato per cui il Tribunale gli aveva comminato nove anni e ha confermato la condanna per intestazione fittizia di beni, irrogando all’imprenditore una pena di 4 anni. Nicastri per gli inquirenti sarebbe uno dei “finanziatori” della latitanza del capomafia latitante Matteo Messina Denaro.

Nicastri era stato condannato col rito abbreviato. La stessa pena era stata irrogata al fratello Roberto che pure rispondeva di concorso esterno in associazione mafiosa e intestazione fittizia. Anche per lui è caduta l’accusa più pesante di mafia e per il reato di intestazione fittizia la pena è stata ridotta a 2 anni e 8 mesi.

Nella foto l'imprenditore trapanese Vito NicastriA carico di Nicastri, riuscito a mettere su una fortuna da oltre un miliardo di euro, puntando per primo sulle energie alternative, le dichiarazioni del pentito Lorenzo Cimarosa, nel frattempo morto, che lo ha indicato come uno dei finanziatori della ormai più che ventennale latitanza di Messina Denaro. Il mafioso Giuseppe Sucameli, inoltre, intercettato, dice che Nicastri “le cose le faceva per il suo amico di Castelvetrano”, riferimento chiaro al boss latitante.

Cimarosa ha raccontato di una borsa piena di soldi che Nicastri avrebbe fatto avere al padrino di Castelvetrano attraverso un altro uomo d’onore, Michele Gucciardi.

Parallelamente al processo per mafia l’imprenditore è finito sotto inchiesta per corruzione insieme, tra gli altri, al consulente della Lega Francesco Paolo Arata e al figlio Manlio Nicastri. Dopo aver cominciato a collaborare con i pm, rivelando alcuni particolari su un giro di mazzette che coinvolgerebbe alcuni funzionari della Regione, pagati per accelerare l’iter per la realizzazione di impianti di biometano, ha patteggiato una condanna a due anni e 10 mesi per corruzione e intestazione fittizia di beni. I giudici gli hanno riconosciuto la circostanza attenuante della collaborazione con la giustizia. Il figlio Manlio, che rispondeva degli stessi reati, ha invece patteggiato una condanna a due anni.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin