Mafia: imponevano l'acquisto di frutti di mare ai ristoranti, tre arresti a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

indagini sulla famiglia di Tommaso Natale

Mafia: imponevano l’acquisto di frutti di mare ai ristoranti, tre arresti a Palermo

14 Settembre 2019

Trasferimento fraudolento di valori e concorrenza sleale, aggravati dall’aver agito con metodo mafioso e dall’aver favorito Cosa nostra: la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di misura cautelare emessa dal gip nei confronti dei fratelli Giuseppe e Nunzio Serio, di 40 e 42 anni, e di Filippo Raneri, 33 anni.

Il provvedimento è stato emesso dopo indagini sulla famiglia del quartiere palermitano di Tommaso Natale, a carico di diverse persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione.

I fratelli Serio, già in carcere, ritenuti dagli uomini della squadra mobile fedelissimi dei Lo Piccolo, avrebbero imposto ai ristoranti di Mondello e Sferracavallo le forniture della ditta “Frutti di mare Cardillo”, intestata in modo fittizio a una loro cugina, ma di fatto nella loro disponibilità.

I due fratelli di presentavano ai gestori e imponevano i loro prodotti. In alcuni casi alcuni i ristoratori sono stati convinti con le minacce.

Minacce rivolte anche ad altri fornitori che avevano tentato di vendere i frutti di mare nella zona ritenuta di loro esclusivo monopolio.
A Filippo Raneri, a cui è stato notificato l’obbligo di dimora, è stata sequestrata un’agenzia di scommesse ma riconducibile, secondo le indagini, a Giuseppe Serio.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.