Mafia: imponevano l'acquisto di frutti di mare ai ristoranti, tre arresti a Palermo :ilSicilia.it
Palermo

indagini sulla famiglia di Tommaso Natale

Mafia: imponevano l’acquisto di frutti di mare ai ristoranti, tre arresti a Palermo

14 Settembre 2019

Trasferimento fraudolento di valori e concorrenza sleale, aggravati dall’aver agito con metodo mafioso e dall’aver favorito Cosa nostra: la Polizia di Stato ha eseguito un’ordinanza di misura cautelare emessa dal gip nei confronti dei fratelli Giuseppe e Nunzio Serio, di 40 e 42 anni, e di Filippo Raneri, 33 anni.

Il provvedimento è stato emesso dopo indagini sulla famiglia del quartiere palermitano di Tommaso Natale, a carico di diverse persone accusate di associazione mafiosa ed estorsione.

I fratelli Serio, già in carcere, ritenuti dagli uomini della squadra mobile fedelissimi dei Lo Piccolo, avrebbero imposto ai ristoranti di Mondello e Sferracavallo le forniture della ditta “Frutti di mare Cardillo”, intestata in modo fittizio a una loro cugina, ma di fatto nella loro disponibilità.

I due fratelli di presentavano ai gestori e imponevano i loro prodotti. In alcuni casi alcuni i ristoratori sono stati convinti con le minacce.

Minacce rivolte anche ad altri fornitori che avevano tentato di vendere i frutti di mare nella zona ritenuta di loro esclusivo monopolio.
A Filippo Raneri, a cui è stato notificato l’obbligo di dimora, è stata sequestrata un’agenzia di scommesse ma riconducibile, secondo le indagini, a Giuseppe Serio.

Tag:
Cultura
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.