Mafia: muore annegato prestanome di Brusca, indagini in corso :ilSicilia.it
Palermo

sarebbe stato un incidente

Mafia: muore annegato prestanome di Brusca, indagini in corso

di
26 Maggio 2020

Francesco Costanza 62 anni, accusato di essere stato un prestanome dell’ex boss Giovanni Brusca, è stato trovato morto nella mattina di oggi martedì 26 maggio, in un canalone irriguo a San Giuseppe Jato (PA).

Sono intervenuti i sanitari del 118, i carabinieri della compagnia di Monreale che indagano e il medico legale. Dalla prima ricostruzione non è escluso che Costanza possa essere morto per un incidente. Sarebbe annegato nel canalone nella sua proprietà mentre stava prelevando l’acqua per riempire una cisterna. Da una prima ispezione sul corpo sembrano non esserci ferite. Il pm di turno ha disposto l’autopsia.

AGGIORNAMENTO

La morte di Francesco Costanza sarebbe stata un incidente. Costanza era cardiopatico ed è possibile che questa mattina sia stato colto da un malore. Anche l’ispezione del medico legale ha confermato che le escoriazioni presenti sul corpo di Costanza erano compatibili con la caduta accidentale. Il pm di turno ha consegnato la salma ai familiari per celebrare i funerali.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.