"Mafia nigeriana" a Ballarò: facevano prostituire connazionali, fermati in tre [Photogallery] :ilSicilia.it
Palermo

Scoperte anche due case di prostituzione

“Mafia nigeriana” a Ballarò: facevano prostituire connazionali, fermati in tre [Photogallery]

di
16 Marzo 2018
Abia Israel Chukwma, "papi"
Precious Eric
Aisha Patience Vincent

Le attiravano in Italia per farle prostituire. Sono stati eseguiti oggi i provvedimenti di fermo nei confronti di tre cittadini nigeriani cui sono contestati i reati di  tratta di esseri umani finalizzata allo sfruttamento della prostituzione in concorso, violenza sessuale aggravata e procurato aborto.

Guarda in alto la photogallery

Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile nell’ambito dell’operazione  “Trafficking”. Le misure restrittive sono state disposte dalla Dda della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, nei confronti di tre cittadini di origine nigeriana: due donne, Precious Eric di 22 anni e Paternice Vincent, detta “Aisha”, di 37 anni, e il compagno di quest’ultima, Israel Chukwma Abia detto “Papi”, di 52 anni.

Agenti a Ballarò
Gli agenti a Ballarò

Per gli stessi reati risulta, inoltre, indagato Samuel Ebi, di 35 anni, appartenente allo stesso gruppo e già detenuto nel carcere di Trapani. Le attività investigative hanno preso le mosse dalle dichiarazioni di due donne vittime di tratta che, dopo aver sopportato viaggi estenuanti, giunte in Italia venivano costrette a prostituirsi subendo innumerevoli abusi, fino ad esser violentate dal loro stesso sfruttatore e, in alcuni casi, essere addirittura costrette ad abortire.

Dalle indagini è emerso anche come una delle due ‘maman‘, Precious Eric, si sarebbe occupata di accogliere le ragazze mandate in Italia, dopo essere state reclutate da connazionali a fronte del pagamento di un grosse somme.

Successivamente, la Eric le avrebbe collocate in diverse case di prostituzione per farle prostituire emetterle in condizione di ripagare il debito contratto con l’organizzazione.

Casa di prostituzione a Ballarò
La stanza in cui si consumavano i rapporti sessuali 

Gli agenti hanno scoperto anche due case di prostituzione nel quartiere Ballarò di Palermo e l’altra a Trapani, ma gestite entrambe dalla maman Aisha con l’aiuto di alcuni suoi connazionali, tra cui il compagno Israel Abia.

Questi ultimi sono anche ritenuti responsabili del procurato aborto ai danni di una giovane nigeriana vittima di tratta. La malcapitata ragazza, una volta rimasta incinta, sarebbe stata costretta, con reiterate minacce e violenze, ad interrompere la gravidanza per continuare ad essere sfruttata.

A Ballarò sono state effettuate numerose perquisizioni e controllati i documenti di circa venti nigeriani tre dei quali sono risultati irregolari sul territorio nazionale. La loro posizione è attualmente al vaglio dell’Ufficio Immigrazione.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin