Mafia nigeriana, giallo sul testimone chiave: muore in circostanze sospette :ilSicilia.it

Disposta l'autopsia

Mafia nigeriana, giallo sul testimone chiave: muore in circostanze sospette

7 Ottobre 2019

La mafia nigeriana ha un primo pentito, morto in “circostanze da chiarire”. Il suo nome è Emeka Don nigeriano di 29 anni, che tra il 2014 e il 2016 raccontò di un’aggressione subita nel quartiere di Ballarò (PA), svelando ai pm alcuni componenti della Black Axe (banda nigeriana), ma che lo scorso luglio era finito in carcere con l’accusa di far parte dei Viking (altra banda nigeriana) nell’ambito del blitz “Disconnection zone” della Squadra mobile. Il decesso è avvenuto nella mattinata di ieri al Civico di Palermo a causa di una crisi ipoglicemica. Emeka era in carcere al Pagliarelli era stato trasferito al Civico, sabato sera. Questa mattina la Dda di Palermo ha disposto l’autopsia.

Ieri sera davanti la squadra mobile di Palermo, un collettivo di migranti chiedeva notizie sulle cause della morte della vittima. Don Emeka, è già noto agli inquirenti durante l’operazione contro la Black Axe. Dubbi in merito alla morte del pentito, anche da parte dell’associzione delle “Donne di Benin City”, che in queste ore sta cercando di capire il da farsi.

E’ molto strano che sia morto a causa di una crisi ipoglicemica. Il ragazzo sembrava godere di ottima salute. Non si capisce nemmeno come è possibile  che un testimone chiave come lui era recluso al Pagliarelli, sembrerebbe come un comune carcerato“. Racconta Nino Rocca, attivista palermitano a IlSicilia.it

Sembrerebbe sia stato Don Emeka ad avere denunciato la Black Axe perché lo voleva morto nel 2014. “…Proprio all’inizio della sua deposizione e spontaneamente Ogbuju Evans detto Evans Bambino ha voluto precisare che se la Black Axe individua un soggetto quale possibile membro lo insegue sino a costringerlo ad associarsi pena in caso di rifiuto la commissione di gravi violenze ai danni suoi e dei congiunti anche in Nigeria… Circostanza riferita anche da Don Emeka nel corso dell’incidente probatorio nel procedimento celebrato a Palermo…Ulteriore conferma si trae allorquando Don Emeka ha addebitato le aggressioni del gennaio 2014 alla volontà del gruppo di punirlo per non essere entrato a far parte del sodalizio”.

Forse Don Emeka già nel 2014 aveva un proprio clan di riferimento? Una cosa è certa: che Ballarò è terra di conquista della mafia nigeriana e la lotta tra bande ne è la conseguenza.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.