Mafia, omicidio a Vittoria: ucciso il collaboratore di giustizia Orazio Sciortino :ilSicilia.it
Ragusa

il fatto

Mafia, omicidio a Vittoria: ucciso il collaboratore di giustizia Orazio Sciortino

di
30 Giugno 2020

Omicidio a Vittoria, in provincia di Ragusa. Trovato cadavere il collaboratore di giustizia Orazio Sciortino, ex picciotto del clan mafioso Carbonaro-Dominante. Il suo corpo è stato rinvenuto per terra con evidenti segni di violenza sul collo lungo in un appezzamento di terreno vicino alla strada provinciale che collega la stessa Vittoria a Santa Croce Camerina.

A notare il corpo un passante che ha poi chiamato la polizia. Dalle prime ricostruzioni avrebbe ferite compatibili con colpi d’arma da fuoco. Sciortino, cinquantenne, raccontò i vari aspetti della mafia locale e dei suoi rapporti con quella gelese contribuendo alla ricostruzione dei vari omicidi fino alla strage di San Basilio di Vittoria del 2 gennaio 1999 che causò cinque vittime. Le indagini sono condotte dalla squadra mobile di Ragusa e dal commissariato di Vittoria.

Dopo l’ispezione cadaverica da parte del medico legale Giuseppe Algieri è emerso che Sciortino è stato ucciso con alcuni colpi di fucile al collo e al torace.

Sarà l’autopsia che verrà eseguita nei prossimi giorni a chiarire meglio i contorni di questo delitto che secondo gli inquirenti non avrebbe una matrice mafiosa. La pista che al momento gli investigatori del commissariato di Vittoria e della Squadra Mobile di Ragusa, coordinati dal pm Gaetano Scollo, sembrano privilegiare è quella di un regolamento di conti tra la manovalanza locale per la spartizione di qualche ‘bottino’ relativo a furti o rapine.

Orazio Sciortino, personaggio sempre borderline, era stato arrestato dai carabinieri quattro mesi fa per diversi furti nelle campagne del ragusano, insieme ad altri due vittoriesi Giovanni Iudice, 54 anni, ed Emanuele Garofalo, di 39 anni. E proprio a partire da quest’ultimo arresto gli investigatori sembrano escludere la matrice mafiosa dell’agguato.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin