Mafia & truffe alle assicurazioni: Cinque degli arrestati percepivano il reddito di cittadinanza :ilSicilia.it
Palermo

SVILUPPI NELL'OPERAZIONE DELLA SQUADRA MOBILE

Mafia & truffe alle assicurazioni: Cinque degli arrestati percepivano il reddito di cittadinanza

di
19 Novembre 2019

Cinque dei nove fermati nell’operazione “spaccaossa” percepivano anche il reddito di cittadinanza.

Questo è quanto risulta dall’indagine della Squadra Mobile, nell’ambito dell’operazione antimafia coordinata dalla Procura di Palermo a Brancaccio, che ha fatto luce su su sistema di truffe alle assicurazioni.

A percepire il reddito sarebbero i nuclei familiari di: Nicolò Giustiniani (900 euro), Stefano Marino (500 euro), Angelo Mangano (1330 euro), Pietro Di Paola (780 euro) e Ignazio Ficarotta (600 euro).

Per quanto riguarda Giustiniani e Stefano Marino, a percepire il reddito risulterebbero le mogli. In corso le attività degli inquirenti sugli altri nuclei familiari.

E’ quanto emerge dalla conferenza stampa tenuta dalla Squadra mobile di Palermo, nella quale erano presenti il questore Renato Cortese, il capo della Mobile Renato Ruperti e il dirigente della Prima sezione, Gianfranco Minissale.

LE DICHIARAZIONI A MARGINE DELLA CONFERENZA

Per la prima volta una indagine conferma l’interessamento diretto di cosa nostra in episodi di truffa. Questo avviene attraverso i due fratelli Marino, Stefano e Michele, a cui viene contestato il reato di associazione mafiosa“, spiega il capo della Squadra mobile, Rodolfo Ruperti.

Senza mezzi termini anche il questore Renato Cortese: “Uomini del disonore, difficile definirli in altro modo. Questa indagine conferma che i mafiosi si appigliano a qualunque cosa, anche speculare sulle mutilazioni della povera gente, per fare profitto“.

Questa indagine dimostra – ha proseguito il questore – ancora una volta che siamo di fronte a persone senza scrupoli, senza onore, uomini che senza alcun ritegno che speculano sui disagi della povera gente“.

LEGGI ANCHE

Droga e truffe assicurative degli “spaccaossa” in mano alla mafia, nove arresti | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin