Mafia: processo alle cosche delle Madonie, inflitti 350 anni di carcere | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

lo ha disposto il tribunale di palermo

Mafia: processo alle cosche delle Madonie, inflitti 350 anni di carcere

di
21 Dicembre 2017

Trentasette condanne, per oltre 350 anni di carcere, sono state inflitte nell’ambito del processo denominato “Black Cat” alle cosche delle Madonie. La sentenza è stata emessa dal gup del Tribunale di Palermo, Fabrizio Anfuso. Il procedimento si è svolto con il rito abbreviato.

Le condanne vanno da 18 anni e 9 mesi a 2 anni. Ci sono state anche 12 assoluzioni, due sentenze di non luogo a procedere ed il giudice ha anche stabilito un risarcimento danni alle parti civili per oltre 300 mila euro. Tra le parti civili c’era anche l’ex sindaco di Cerda, Andrea Mendola. Era diventato un sindaco scomodo per il gruppo criminale di Cerda e doveva, a tutti i costi dimettersi per lasciare spazio a politici più vicini agli interessi di Cosa nostra. Cosi’ per raggiungere l’obiettivo il clan locale aveva incendiato le auto intestate a Mendola e alla moglie e creato un clima insostenibile di tensioni e preoccupazioni che hanno poi costretto il primo cittadino a rassegnare le dimissioni per salvaguardare la propria incolumità e quella della propria famiglia.

La sentenza, tra gli altri, ha così condannato tre degli imputati al risarcimento del danno in favore di Andrea Mendola, costituito parte civile con gli avvocati Salvino Caputo e Francesca Fucaloro, disponendo una provvisionale immediatamente esecutiva di 140 mila euro con rinvio al giudice civile per la quantificazione dell’ulteriore danno subito.

“Andrea Mendola – dichiarano i legali Francesca Fucaloro e Salvino Caputo – sin dall’inizio del mandato aveva operato con coraggio e determinazione in una realta’ difficile come quella di Cerda, scontrandosi con la resistenza di coloro i quali volevano a tutti i costi condizionale le scelte amministrative e del territorio. L’intransigenza e il comportamento di Andrea Mendola ha determinato in Cosa Nostra una strategia finalizzata a costringere l’allora Sindaco, alle dimissioni”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin