Mafia: resta in carcere il mandante dell'omicidio Livatino, confermati altri 18 fermi :ilSicilia.it
Agrigento

giudice deceduto nel 2015

Mafia: resta in carcere il mandante dell’omicidio Livatino, confermati altri 18 fermi

di
5 Febbraio 2021

Resta in carcere il boss ergastolano Antonio Gallea, mandante dell’omicidio del giudice Rosario Livatino che, grazie alla semilibertà concessagli, era tornato a guidare la Stidda. E in cella rimangono anche l’avvocatessa Angela Porcello, che, secondo l’accusa, nel suo studio legale organizzava gli incontri tra capimafia, il suo compagno, il boss Giancarlo Buggea, il boss di Canicattì Calogero Di Caro e i mafiosi Diego Emanuele Cigna, Pietro Fazio, Gregorio Lombardo, Gaetano Lombardo, Calogero Paceco, Giuseppe Sicilia, Luigi Boncori, boss di Ravanusa, Antonino Chiazza, capomafia stiddaro, Simone Castello, fedelissimo del boss Bernardo Provenzano e Gioacchino Rinallo, padrino della Stidda.

Lo hanno deciso i gip di Agrigento e Caltanissetta che hanno convalidato 18 dei 22 fermi emessi dalla Dda di Palermo nell’ambito dell’inchiesta che, martedì scorso, ha svelato i nuovi assetti dei clan della provincia agrigentina e il ruolo di consigliera della legale, a cui è stato contestato il ruolo di capomafia.

Nel corso dell’indagine, coordinata dal procuratore aggiunto Paolo Guido e dai pm Gery Ferrara, Claudio Camilleri e Gianluca De Leo, è stato anche scoperto che, nonostante il 41 bis, una serie di boss continuavano a comunicare tra loro grazie alle falle dei sistemi di sorveglianza e a complicità tra gli agenti penitenziari. Convalidato anche il fermo di due agenti di polizia, Filippo Pitruzzella e Giuseppe D’Andrea, a cui sono stati, però concessi i domiciliari.

Decisa, invece, la scarcerazione di Giuseppe Pirrera, Gianfranco Gaetani, Luigi Carmina e Antonino Oliveri. Resta in carcere anche il boss Giuseppe Falsone, già detenuto per mafia ed omicidi. Assistito dalla Porcello avrebbe tramite la sua legale continuato a scambiarsi informazioni con boss trapanesi come Pietro Virga e gelesi come Alessandro Emmanuello.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin