Mafia: sequestrati beni per 3 milioni di euro ad un esponente del clan Trigila a Noto :ilSicilia.it
Siracusa

a noto

Mafia: sequestrati beni per 3 milioni di euro ad un esponente del clan Trigila a Noto

di
22 Marzo 2021

La Guardia di Finanza di Catania, nell’ambito di indagini della Procura della Repubblica, ha svolto accertamenti patrimoniali in materia antimafia, sequestrando a Noto (Siracusa) attivita’ commerciali, beni immobili e disponibilita’ finanziarie riconducibili a un noto esponente di un clan mafioso, per un valore di circa 3 milioni di euro.
Le indagini hanno riguardato il profilo patrimoniale di Domenico Waldker Albergo – considerato il referente del clan Trigila operante in provincia di Siracusa – gia’ condannato e destinatario di misure di prevenzione relative alle sue attivita’ commerciali.

In particolare, le indagini hanno consentito di accertare che Albergo, poiche’ gravato da numerosi precedenti penali e con la finalita’ di eludere la normativa in materia di prevenzione antimafia – ha intestato a familiari e conviventi diverse attivita’ commerciali e beni immobili, acquisiti nel tempo in modo sproporzionato rispetto al profilo reddituale.

Il Tribunale di Siracusa ha sequestrato 4 esercizi commerciali attivi nel settore dei bar e della ristorazione, tutti avente sede a Noto, 3 fabbricati, un appezzamento di terreno, disponibilita’ finanziarie, per un valore di circa 3 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin