Mafia: sequestro beni nell'Agrigentino :ilSicilia.it
Agrigento

il provvedimento del tribunale di Palermo

Mafia: sequestro di beni nell’Agrigentino

di
19 Ottobre 2019

La polizia, in esecuzione di un provvedimento del tribunale di Palermo, ha sequestrato un fabbricato, adibito a magazzino, e 10 ettari di terreno, di cui un appezzamento con circa 4.000 piante di ulivo per un valore di mercato approssimativo 120.000 euro. La misura di prevenzione patrimoniale è stata eseguita nei confronti di Antonino Grimaldi, 52 anni, originario di Cattolica Eraclea (Agrigento), al momento detenuto.

Grimaldi era stato arrestato nel maggio del 2016 per il reato di associazione per delinquere di stampo mafioso. Secondo l’accusa, ha svolto “funzioni di raccordo e collegamento tra Pietro Campo – che è un appartenente alla famiglia mafiosa di Santa Margherita Belice – e altre famiglie mafiose del territorio Agrigentino.

I beni sequestrati si trovano a Cattolica Eraclea e a Bivona.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“È arrivato Zampanò!”

Non posso non constatare che da qualche anno si è dichiarato guerra alla strada. Io sono cresciuto per strada, ho giocato sui marciapiedi, e a pallone per strada perché di certo non sapevo che cosa fosse un campo in erba...
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.