Mafia, sequestro di beni per oltre 800 mila euro a un esponente della cosca di Catania :ilSicilia.it
Catania

appartenente al clan "Santapaola-Ercolano"

Mafia, sequestro di beni per oltre 800 mila euro a un esponente della cosca di Catania

di
29 Ottobre 2020

I carabinieri del Comando provinciale di Catania hanno confiscato beni per circa 800 mila euro riconducibili a Francesco Ferrara, di 55 anni, indicato come appartenente alla cosca mafiosa “Santapaola-Ercolano” alla quale sarebbe transitato dall’originaria famiglia Ferrera “Cavadduzzu” dove avrebbe ricoperto un ruolo di spicco.

Il provvedimento, emesso dalla Sezione Misure di Prevenzione del Tribunale etneo, ha riguardato un complesso immobiliare in via Penninazzo, nel comune di Viagrande, intestato al figlio Natale, composto da un magazzino, un appezzamento di terreno con un piccolo deposito, un’abitazione di tipo popolare, negozio e botteghe, un terreno agricolo ed un fabbricato rurale.

Nei confronti di Ferrara è stata disposta la misura della sorveglianza speciale per 3 anni con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin