Mafia, sette arresti a Licata e Campobello: c'è anche un consigliere comunale :ilSicilia.it
Agrigento

blitz all'alba dei carabinieri

Mafia, sette arresti a Licata e Campobello: c’è anche un consigliere comunale

di
19 Giugno 2019

I Carabinieri di Agrigento hanno fermato sette persone accusate di associazione mafiosa. In carcere sono finiti boss e gregari delle ‘famiglie’ di Licata e Campobello di Licata.

Tra i fermati, con l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, c’è anche un consigliere comunale di Licata. Si tratta di Giuseppe Scozzari, che era stato eletto nella lista civica “Licata futura”.

Nell’operazione dei militari è finito anche il boss Angelo Occhipinti, 64 anni. Sarebbe il “reggente” della cosca di Licata. Occhipinti in passato è stato condannato per estorsioni aggravate dal metodo mafioso.

Scozzari, eletto a giugno del 2018, e un ex consigliere comunale, secondo le indagini, si sarebbe, come anche altri politici, rivolto al capomafia per avere favori.

Riferendosi a Scozzari, il comandante provinciale dei carabinieri di Agrigento, colonnello Giovanni Pellegrino ha detto: “Ha chiesto ed ottenuto, in occasione delle elezioni del giugno del 2018 l’appoggio della ‘famiglia’ mafiosa con a capo Angelo Occhipinti. In cambio, Scozzari che è il responsabile del servizio tecnico del presidio ospedaliero di Licata, nonché influente funzionario dell’Asp di Agrigento, avrebbe garantito la sua disponibilità nell’ambito di necessità di carattere diagnostico all’ospedale”.

Intercettazioni, intanto, tirano in ballo il deputato regionale Carmelo Pullara (LEGGI QUA). 

Le indagini, oltre a disarticolare i vertici e i ‘quadri’ dei due clan, hanno scoperto un’estorsione a una impresa che svolgeva lavori edili in Germania e hanno accertato l’interesse dei mafiosi nel settore del slot-machine. All’affare partecipava una società di distribuzione di apparati elettronici da gioco.

Nell’operazione, coordinata dalla Dda di Palermo e denominata ‘Assedio’, sono stati impegnati oltre 100 carabinieri, un elicottero e le unità cinofile.

L’inchiesta è coordinata dal procuratore Francesco Lo Voi, dall’aggiunto Paolo Guido e dai pm Claudio Camilleri e Gery Ferrara.

Le intercettazioni

Davanti a questo ragazzo ci togliamo tutti il cappello”. Così il boss di Licata Angelo Occhipinti, parlava del figlio di Totò Riina Giuseppe Salvatore, già processato e condannato per associazione mafiosa.

Le parole, intercettate da una microspia degli investigatori, sono inserite in una conversazione tra il capomafia e un uomo d’onore a cui sarebbe stato chiesto in carcere proprio dal rampollo del padrino corleonese di “stuccare” (eliminare ndr) un licatese. Il particolare emerge dal provvedimento di fermo che riguarda in tutto sette persone tra cui un consigliere comunale accusato di concorso esterno in associazione mafiosa.

 Armi, denaro e un jammer, un’apparecchiatura usata per neutralizzare le microspie e ‘disturbare’ le intercettazioni telefoniche e ambientali sono stati trovati nel corso delle perquisizioni disposte nell’ambito dell’indagine.

I nomi degli arrestati: Raimondo Semprevivo, Vincenzo Bellavia, Angelo Graci, Angelo Occhipinti, Giuseppe Puleri, Giuseppe Scozzari, Giuseppe Salvatore Spiteri.

Nell’inchiesta risultano indagati, ma non è stato eseguito alcun provvedimento di fermo perché sono già in carcere, anche Vincenzo e Gabriele Spiteri.

 

 

LEGGI ANCHE:

Mafia, blitz a Licata: coinvolto il deputato regionale Pullara

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Redazione

Dalle 700 bare ai Rotoli alla vita eterna!

Il progetto del cimitero da realizzare a Ciaculli risale al 2007, ben 13 anni or sono. Nel 2012 viene inserito nel piano triennale delle opere pubbliche del comune di Palermo, ma senza un euro di finanziamento
Politica
di Elio Sanfilippo

La politica, la storia e l’entusiasmo di zio Emanuele

Ci sarà tempo per ricordare la figura di Emanuele Macaluso, il suo impegno politico per liberare dal bisogno e dalla sofferenza la gente più povera e indifesa, migliorare le condizioni di vita dei lavoratori, tutelando diritti e dignità

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin