Mafia: sgombero casa di Lo Bue a Corleone, Lumia "Un importante segnale di legalità" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Lo sgombero è avvenuto stamattina

Mafia: sgombero casa di Lo Bue a Corleone, Lumia “Un importante segnale di legalità”

di
21 Giugno 2017

È stata sgomberata una casa confiscata e occupata dalla famiglia mafiosa dei Lo Bue. Lo sgombero è stato eseguito stamani a Corleone, “Un segnale importante di legalità per una comunità che vuole liberarsi della presenza mafiosa, – dice Giuseppe Lumia, senatore del Pd – dopo la vera e propria dittatura dei Riina, dei Provenzano e dei Bagarella. Un segnale che si pone in continuità con il percorso intrapreso con le elezioni del 1993, che ha vissuto diverse fasi di successo e purtroppo qualche ricaduta. Ma il cammino deve andare avanti sul piano culturale e repressivo, sociale e dello sviluppo del territorio”.

“Con lo sgombero di oggi – aggiunge il senatore – si segna un’altra tappa positiva. La loro è stata una famiglia asservita agli equilibri mafiosi tra i Riina ed i Provenzano. Si sono arricchiti sulle spalle della gente onesta. Adesso anche il loro potere viene messo in discussione in modo eclatante. Naturalmente bisogna sempre vigilare, perché la strada è ancora irta di ostacoli e tentativi di grandi ritorni, come quello del nipote di Riina, del figlio con le sue iniziative pubbliche o della figlia che chiede prestazioni assistenziali all’Inps. Anche sul versante dello sviluppo è indispensabile fare di più, per dare forza al lavoro coraggioso e meritorio dei commissari prefettizi e della Prefettura di Palermo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.