Mafia: "Smantellato il welfare dei boss dello Zen". I nomi degli arrestati | FOTO E VIDEO :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Le parole del Comandante dei Carabinieri

Mafia: “Smantellato il welfare dei boss dello Zen”. I nomi degli arrestati | FOTO E VIDEO

di
26 Gennaio 2021

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

La Dda di Palermo ha disposto il fermo di 16 persone accusate di associazione mafiosa, tentato omicidio, estorsioni, danneggiamenti, minacce aggravate, detenzione abusiva di armi da fuoco.
Il capomafia palermitano Giuseppe Cusimano sarebbe stato il punto di riferimento per le famiglie indigenti del quartiere Zen e avrebbe tentato di organizzare una distribuzione alimentare per i poveri durante il primo lockdown del 2020.

Ecco l’elenco degli indagati nell’operazione antimafia “Bivio dei carabinieri di Palermo:
Francesco Adelfio, 39 anni; Andrea Barone, 21 anni; Carmelo Barone, 59 anni; Marcello Bonomolo, 47 anni; Pietro Ciaramitaro, 32 anni; Giuseppe Cusimano, 37 anni; Francesco Finazzo, 64 anni; Salvatore Fiorentino, 38 anni; Sebastiano Giordano, 22 anni; Francesco L’Abbate, 46 anni; Andrea Mancuso, 22 anni; Francesco Palumeri, 60 anni; Giuseppe Rizzuto, 33 anni; Baldassare Rizzuto, 24 anni; Antonino Vitamia, 56 anni; Michele Zito, 46 anni.

GUARDA LA GALLERY IN BASSO

ADELFIO FRANCESCO
BARONE CARMELO
BARONE ANDREA
BONOMOLO MARCELLO
CIARAMITARO PIETRO
FINZAZZO FRANCESCO
CUSIMANO GIUSEPPE
FIORENTINO SALVATORE
L'ABBATE FRANCESCO
GIORDANO SEBASTIANO
MANCUSO ANDREA
RIZZUTO BALDASSARE
PALUMERI FRANCESCO
RIZZUTO GIUSEPPE
ZITO MICHELE
VITAMIA ANTONINO

IL COMANDANTE DEI CARABINIERI

“L’attività coordinata dalla Dda ci ha consentito di intervenire preventivamente in contrasti forti anche violenti nell’organizzazione mafiosa ‘cosa nostra’ nel potente e storico mandamento di San Lorenzo e Tommaso Natala che cercava di riorganizzarsi attraverso la costituzione della cupola mafiosa nella provincia di Palermo. Tentativo scoperto due anni fa dai carabinieri”. Lo afferma il generale Arturo Guarino comandante provinciale dei carabinieri di Palermo dopo l’operazione Bivio che ha portato nella notte al fermo di 16 persone accusate di associazione mafiosa.

“Le indagini ci hanno consentito di scoprire – aggiunge – come i mafiosi tentassero allo Zen di Palermo di dare una sorta di welfare mafioso alla gente che aveva bisogno di avere assistenza durante la prima fase del lockdown con sussidi di tipo alimentare. È un welfare che non porta nulla di buono. Anche in questa occasione i carabinieri hanno dimostrato un’attività pervasiva del controllo del territorio che passava tramite le estorsioni, il pizzo la necessità di ottenere i soldi dal territorio“.

Dobbiamo ringraziare – conclude- anche questa volta cinque imprenditori che si sono opposti al pizzo e che volontariamente si sono rivolti ai carabinieri per denunciare. Grazie ancora a questi imprenditori che ci consentono di avere fiducia alla parte sana di questa società. La mafia non può prevalere“.

TOFALO

Grazie alle indagini dei carabinieri del comando provinciale di Palermo sono state assicurate alla giustizia 16 persone accusate di associazione mafiosa e altri gravi reati. L’Arma dei Carabinieri è una delle colonne portanti della legalità e della lotta al crimine”. Lo afferma il sottosegretario alla Difesa Angelo Tofalo al termine dell’operazione “Bivio” da poco conclusa.

Il contrasto alla malavita resta una priorità, lo Stato non indietreggia di un solo millimetro – aggiunge – e con l’instancabile lavoro delle Forze dell’ordine dimostra ogni giorno di essere più forte della mafia“.

 

LEGGI ANCHE

Mafia, guerra per la reggenza del mandamento di Tommaso Natale: 16 arresti | VIDEO

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco