Mafia: torna in carcere Manzo, ritenuto fiancheggiatore di Messina Denaro :ilSicilia.it
Palermo

La decisione dei magistrati

Mafia: torna in carcere Manzo, ritenuto fiancheggiatore di Messina Denaro

di
18 Febbraio 2021

Torna in carcere Marco Manzo, considerato dai magistrati della Dda di Palermo uno dei fiancheggiatori del super latitante Matteo Messina Denaro.

Nel giugno dello scorso anno il 55 enne di Campobello di Mazara era stato arrestato nel blitz antimafia Ermes III. Scarcerato dal tribunale del Riesame con sentenza confermata in Cassazione era tornato libero. Lunedì sera, sulla base di nuove evidenze investigative gli uomini della squadra mobile di Trapani lo hanno nuovamente arrestato.

L’indagine Ermes III aveva fatto luce sugli interessi economici del mandamento mafioso di Mazara del Vallo, retto dal defunto boss Vito Gondola e sui rapporti che il capo mafia mazarese intratteneva con altri appartenenti alle famiglie mafiose di Marsala, di Campobello e di Castelvetrano.

Nel corso di incontri riservati e attraverso lo scambio di ‘pizzini‘ si decidevano, tra le varie attività illecite, le estorsioni da portare a termine nell’ambito della compravendita di fondi agricoli o nel settore dell’esecuzione di lavori pubblici. Dalle attività investigative emerse come fra le attività delle famiglie c’era quella di garantire la protezione, le comunicazioni e le risorse economiche al superlatitante Messina Denaro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin