Mafia: trentacinque anni fa veniva ucciso Beppe Montana :ilSicilia.it
Palermo

si è tenuta oggi la commemorazione

Mafia: trentacinque anni fa veniva ucciso Beppe Montana

di
28 Luglio 2020

Oggi ricorre il trentacinquesimo anniversario della morte del Commissario della polizia di Stato, Giuseppe Montana, ucciso in un agguato mafioso a Porticello, nel palermitano.
Si è tenuta una cerimonia di commemorazione in piazza Beppe Montana, a pochi metri dal luogo dell’attentato, nel corso della quale è stata deposta una corona di alloro. Il cappellano della polizia, don Massimiliano Purpura, ha impartito una benedizione.

Il 28 luglio del 1985, nella frazione marinara di Santa Flavia, Cosa Nostra decise che era giunto il momento di saldare il conto con quel poliziotto a capo della Catturandi della Squadra Mobile di Palermo che tanto fastidio dava alla criminalità organizzata.
Il poliziotto che ‘catturava’ i latitanti fu colto in uno dei rari momenti che egli dedicava allo svago, una domenica pomeriggio, di ritorno da una gita in barca con amici e parenti.

Leoluca Orlando

“Beppe Montana fu un poliziotto sui generis per la sua epoca, perché prima di tanti altri comprese che al lavoro investigativo e di ‘caccia’ ai latitanti era necessario affiancare un importante impegno culturale, portare le Forze dell’ordine nelle scuole e costruire un rapporto umano e sociale con i cittadini, a partire dai più piccoli. Il suo lavoro di investigatore fu interrotto durante quella tragica estate che vide in pochi giorni falcidiata la squadra Catturandi della Questura di Palermo. Oggi ricordarne il sacrificio non è un atto rituale, ma un dovere morale e umano. Un dovere verso di lui, i suoi familiari, i suoi colleghi e chi ne ha preso il testimone”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin