23 maggio 2018 - Ultimo aggiornamento alle 12.09
caronte manchette
caronte manchette
Palermo

Dalle 10 alle 17

“Magione We – La scuola che diventa piazza”: domenica la festa conclusiva

18 novembre 2017

Il progetto “Magione We – La scuola che diventa piazza” si concluderà domenica 19 novembre, a partire dalle 10 e alle 17, con U’Game, gioco a squadre che coinvolgerà l’intero quartiere della Kalsa, e con  l’inaugurazione della scultura di Igor Scalisi Palminteri nel cortile della Scuola Ferrara.

Quest’ultima rimarrà aperta al pubblico per accogliere grandi e bambini e dare il via al grande gioco a squadre pensato per le famiglie e gruppi di amici, che prevede tante prove da superare. Il gioco è gestito dalla start up palermitana che progetta e realizza format di gioco tematici volti a costruire esperienze di fruizione ludica del patrimonio storico-artistico-culturale-ambientale.

L’iscrizione è gratuita www.ugame.it; in palio tantissimi premi, compresi pranzi e cene.

Mentre i giocatori saranno impegnati con le prove da superare, nel giardino e nel cortile della Scuola Ferrara si alterneranno gli artisti che hanno accompagnato il progetto in questi mesi e nuove voci che si aggiungono ad arricchire il programma. Prima fra tutti Jerusa Barros con le sue musiche dal mondo, a seguire gli acrobati e giocolieri di Circ’opificio e Circ’all,  e poi la performance itinerante con marionette del gruppo Storie in transito su L’Epopea di Gilgamesh, le Letture da Nonno Albero con Maria Romana Tetamo e le narrazioni di Alberto Nicolino che intreccia fiabe popolari e storie del quartiere.

Alle 14 si svolgerà il pranzo collettivo mentre alle 16 sarà inaugurata la scultura realizzata con gli oggetti del cuore donati nel corso delle settimane dai bambini e dagli abitanti della Kalsa, assemblati dall’artista Igor Scalisi Palminteri.

MAGIONE WE è un programma ideato da CLAC in collaborazione con l’Istituto comprensivo Amari-Roncalli-Ferrara di Piazza Magione e  realizzato con il sostegno di MIBACT e MIUR.

Pensiamo che aprire gli spazi e creare occasioni libere e gratuite di partecipazione culturale sia lo strumento più importante per educare grandi e piccoli alla cittadinanza attiva, al rispetto degli spazi collettivi, al piacere del fare arte insieme – afferma Cristina Alga – project manager e co-founder dell’associazione CLAC che ha curato il progetto.

 

 

 

Tag:
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.