Mai dire Presidenta. Donne siciliane al potere ma Palazzo d'Orleans è tabù | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Catania

Berlusconi spinge per candidare l'ex ministra Prestigiacomo

Mai dire Presidenta. Donne siciliane al potere ma Palazzo d’Orleans è tabù

di
1 Febbraio 2017

Mamma, sorella, amante, moglie, amica. Ed ancora, sindaca, deputata, assessora, ministra. Ma mai Presidenta. Il destino delle donne siciliane sembra non lasciar spazio a un tocco nuovo in politica. A correre per la Presidenza della Regione siciliana ci hanno già provato senza successo Rita Borsellino e Anna Finocchiaro. Candidature forti e autorevoli ma non sufficienti a scalfire lo zoccolo duro di un elettorato in quegli anni saldamente ancorato al potere vincolante dei partiti. Ma nell’anno domini 2017 – così come dimostrato da quel che accade per la scelta dei candidati a sindaco di Palermo – i partiti sono un orpello ingombrante, un peso, un fastidio per chi decida di correre a un incarico di governo.

Crisi della politica e della rappresentanza, si derubrica la vicenda. Così il mantra diventa “mettiamoci la faccia”. E se faccia deve essere allora,  perchè non pensare, dunque, alla grazia, alla tranquillità, al volto gentile e competente del genere femminile? Tra fibrillazioni prescissioniste in casa Pd e la difficoltà a contarsi del centro destra, o meglio di quel che ne resta, una scelta nell’alveo del gentil sesso sarebbe un cambio di marcia. Che nessuno ci abbia pensato, in realtà, non è neanche del tutto vero. In casa centro destra, la rotta su Palazzo d’Orleans sembra scandita dalla road map di Nello Musumeci verso  le primarie. Ma i dubbi di Forza Italia non sono pochi e non sono nemmeno tanto nascosti. Miccichè lo ha fatto sapere chiaramente. Il Cavaliere da Arcore spinge affinchè in Sicilia ci sia un candidato azzurro. Berlusconi ha fatto un nome ed è quello di Stefania Prestigiacomo.

Già presidente dei giovani industriali di Sicilia e già Ministro, Stefania – agli occhi del cavaliere – rappresenterebbe la sintesi perfetta tra continuità di una tradizione politica e la novità, nel proporre una donna alla guida di una delle regioni più “delicate” d’Italia. Più che di una candidatura vera e propria, però, si tratta soltanto di una “nomina” appena accennata ma già sussurrata al tavolo delle trattative del centro destra. L’ex ministra, diretta interessata, non pare propensa ad accettare un incarico così gravoso. Soprattutto per le poche possibilità di centrare il bersaglio.

La tranquillità del centro destra è perciò solo apparenza. Perchè se dovesse scattare l’opzione Prestigiacomo come competitor alle primarie, la contromossa dei centristi è già pronta, con Giusy Savarino (ex deputato Udc e portavoce di “Diventerà Bellissima”) in rampa di lancio, a schierarsi, un po’ a difesa della candidatura di Musumeci, un po’ a difendere la primazia della politica al femminile in Sicilia.

Di “Presidenta”  nel centrosinistra non se ne parla? Non si sa nemmeno se e quando verranno celebrate le primarie e da chi. Eppure di donne candidabili alla presidenza ce ne sarebbero. A partire da Simona Vicari (attuale sottosegretario del governo Gentiloni) per passare all’europarlamentare Pd, Michela Giuffrida, passando per la pasionaria Cgil, Mariella Maggio. Per ognuna di loro sono innumerevoli indicazioni e controindicazioni nel pensare a un traguardo così ambizioso. Per la Vicari, nonostante sia cresciuta nell’alveo della socialdemocrazia “in finis” Prima Repubblica, il marchio Ncd parrebbe un ostacolo quasi insormontabile nel far convergere adesioni a un prospetto di candidatura. A meno che proprio la sottosegretaria, cresciuta nella scuola politica del Psdi targato Carlo Vizzini, non incarni la sintesi politica di tutti i partiti contro Orlando. Una candidatura a Palazzo delle Aquile in grado di riunire Miccichè e Forza Italia, Ncd e quei pezzi del Pd che vedono il rinnovo di Orlando come la peste, nonostante i successi “culturali” del primo cittadino. Un replay di accordi trasversali già sperimentati in passato al comune di Termini Imerese, quando le alleanze allargate portarono alla vittoria Totò Burrafato.

Tornando alle donne potenzialmente “presidentesse”, nel centrosinistra si contano altri due profili aurei. Il primo risponde al nome della “direttrice” Giuffrida. Per lei, tuttavia , sarebbe un peccato interrompere la prima esperienza da parlamentare europeo:la combattiva giornalista è in prima fila nelle trattative a difesa dell’agricoltura siciliana. La Maggio, infine, è solo una suggestione per chi ama e ha amato la sinistra d’antan, quella che c’era una volta.  E le donne dei Cinquestelle? Tra i grillini, da regolamento, si dovrebbero tenere una sorta di “regionarie” on line. Di papabile, in forma di quota rosa,  c’è Azzurra. Di cognome fa Cancellieri. A colpi di click potrebbe essere una bella lotta in famiglia.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco