15 Ottobre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.40
Palermo

Il 23 e 24 ottobre a Villa Magnisi

Malattie del sangue: a Palermo esperti da tutta Italia

22 Ottobre 2018

Le nuove terapie contro le malattie del sangue, grazie al trapianto di cellule staminali e ai farmaci biologici. Di questo e altro si discuterà alla sedicesima edizione del congresso “Attualità e prospettive in oncoematologia”, in programma martedì 23 e mercoledì 24 ottobre nelle sale di Villa Magnisi, sede dell’Ordine dei medici di Palermo.

Nell’arco di due giornate di lavoro, una trentina di esperti provenienti da tutta Italia si confronteranno sui temi più attuali relativi ai tumori del sangue, dalla diagnosi alle cure.

L’obiettivo dello stage, è quello di contribuire alla formazione ed all’aggiornamento dei medici, che operano nel settore delle malattie del sangue, affrontando temi in continua evoluzione e confrontando le esperienze scientifiche dei vari gruppi di ricerca nazionali.

I temi che verranno affrontati da esperti ematologi, riguarderanno le problematiche più attuali e innovative in campo biologico e terapeutico delle malattie ematologiche oncologiche.

Si parlerà, tra l’altro, delle nuove terapie contro il mieloma multiplo e del linfoma di Hodgkin nei casi più complessi, come nei pazienti refrattari. Una sessione sarà dedicata, inoltre, alle neoplasie mieloproliferative, per poi il concludere il convegno con un aggiornamento sulle leucemie acute.

Responsabile scientifico dell’evento è Maurizio Musso, direttore dell’Unità operativa di Oncoematologia e Trapianto di midollo osseo del Dipartimento oncologico La Maddalena di Palermo.

ospedale_maddalena“Si tratta di un congresso – spiega Musso – che si svolge ormai annualmente e che vede come relatori i maggiori esperti nel campo delle malattie neoplastiche del sangue. In questi ultimi anni la terapia delle neoplasie ematologiche ha conosciuto notevole evoluzione tale da configurare, per certe patologie, una vera e propria rivoluzione. Infatti, l’efficacia della terapia convenzionale (chemio e radioterapia) è stata incrementata dall’impiego del trapianto di cellule staminali emopoietiche e, più recentemente, dalla possibilità di utilizzare anticorpi monoclonali e terapia target rivolti specificamente contro le cellule neoplastiche. A tali terapie si deve affiancare un efficace ed avanzato laboratorio di ematologia, citofluorimetria, e biologia molecolare per un attenta diagnosi e soprattutto monitoraggio della malattia residua, al modo di assicurare una corretta terapia mirata”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Lavori “like”

Sono sempre affascinato dalle discussioni che nascono quando il tema riguarda la trasformazione della propria città. Molto spesso si cade nella trappola di far diventare politica tutto quanto accade attorno a noi
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Redistribuzione dei migranti? l’Ue fa ciao ciao all’Italia

L'accordo di Malta sull’immigrazione che era stato salutato con toni trionfali da tutto l'asse del governo giallorosa, dal ministro dell'Interno Lamorgese, da Giuseppe Conte e dal Pd, è carta straccia o quasi. Il Consiglio europeo dei ministri degli Interni Ue che si è riunito a Lussemburgo non l'ha ratificato.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.