Malfunzionamento del depuratore, indagato il sindaco di Ustica :ilSicilia.it
Palermo

provvedimento notificato il 16 agosto

Malfunzionamento del depuratore, indagato il sindaco di Ustica

19 Agosto 2019

Ferie di Ferragosto poco felici per il sindaco di Ustica, Salvatore Militello. Il 16 di agosto gli è stato notificato dalla Capitaneria di Porto un avviso di garanzia in merito alle indagini sul funzionamento dell’impianto di depurazione dell’Isola. Ad annunciare l’indagine è stato proprio il primo cittadino della piccola isola siciliana che ha postato su Facebook la notizia.

Nei giorni scorsi gli uomini della guardia costiera erano andati sull’isola, prelevando dei campioni d’acqua. Da qui il provvedimento. “Sono il sindaco che dopo sei anni ha consegnato i lavori per mettere in funzione il depuratore che sull’isola sappiamo tutti che è guasto – dice il sindaco Militello – Ad aprile ho scritto a tutti, alla procura, alla corte dei conti, alla regione per segnalare la situazione. Ho anche bloccato un decreto assessoriale che mi chiedeva di bypassare l’impianto di depurazione. Adesso ricevo un verbale di persona sottoposta ad indagini“.

Nel giugno scorso l’ex sindaco di Ustica, Attilio Licciardi, è stato assolto per non avere commesso il fatto da reati ambientali di cui era accusato per il cattivo funzionamento dell’impianto di depurazione dell’isola. Con Licciardi sono stati assolti due tecnici del Comune: Giuseppe Riccio, ex dirigente dell’ufficio tecnico, e Claudio Gucciardi, ex responsabile del ciclo dell’acqua.

L’inchiesta era scaturita nel luglio 2014 da una segnalazione dell’allora sindaco di Ustica. I tecnici avevano riscontrato problemi all’impianto di depurazione e avevano chiesto un intervento immediato per evitare danni ambientali. La capitaneria di porto aveva anche sequestrato il depuratore che subito dopo era stato riparato.

 

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.