Malore per un escursionista allo Zingaro: salvato dall'elicottero dell'Aeronautica | FOTO - VIDEO :ilSicilia.it
Trapani

Col Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano

Malore per un escursionista allo Zingaro: salvato dall’elicottero dell’Aeronautica | FOTO – VIDEO

di
19 Agosto 2019

FOTO IN ALTO,  VIDEO IN BASSO

Un nuovo intervento del Soccorso Alpino e Speleologico Siciliano nella riserva dello Zingaro in sinergia con Aeronautica Militare, 118 e Carabinieri, il quarto nella settimana di Ferragosto e il nono dall’inizio della stagione. Lo stesso numero di operazioni erano state concluse nell’estate del 2018 in virtù della convenzione stipulata tre anni fa con 118, Vigili del fuoco, Capitaneria di Porto e Riserva.

Poco dopo le 16,30 di domenica 18 agosto 2019, alla centrale del 118 è arrivata la chiamata di un gruppo di escursionisti che richiedeva l’intervento dei sanitari per un escursionista che aveva accusato un malore mentre percorreva il sentiero costiero nei pressi di cala del Varo. In pochi minuti è stato allertato il SASS che ha fatto partire due squadre della stazione Palermo-Madonie. I tecnici hanno raggiunto l’ingresso della riserva lato Scopello (Trapani) e hanno proseguito a piedi fino al punto dove si trovava l’uomo, F.A., 32 anni, di Trani, disidratato, con frequenti mancamenti e non in grado di camminare.

Prestati i primi soccorsi, per accelerare il trasferimento dell’escursionista è stato chiesto l’aiuto dell’Aeronautica Militare che ha inviato sul posto un elicottero HH139 da Trapani-Birgi. L’uomo è stato imbracato e recuperato con il verricello insieme ad un tecnico del Soccorso Alpino ed elitrasportato fino al campo di calcio di Castellammare del Golfo, dove ad attenderlo c’era un’ambulanza del 118 scortata da un’auto dei carabinieri.

La tempestività dell’intervento è stata agevolata dalla presenza durante tutti i fine settimana estivi di una squadra operativa della stazione Palermo-Madonie nella sede SASS presso l’aeroporto di Boccadifalco (Palermo).

Solo due giorni fa, sempre in sinergia con Aeronautica Militare, 118 e Carabinieri, era stata soccorsa un’escursionista napoletana di 11 anni che aveva accusato anch’essa un malore mentre percorreva il sentiero che da cala dell’Uzzo porta all’uscita della riserva dal lato di San Vito Lo Capo.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.