Maltempo a Pantelleria, in poche ore 148 mm di pioggia: il sindaco chiede lo stato di calamità :ilSicilia.it
Trapani

la richiesta

Maltempo a Pantelleria, in poche ore 148 mm di pioggia: il sindaco chiede lo stato di calamità

di
28 Ottobre 2021

Pantelleria e i suoi abitanti hanno vissuto un vero e proprio incubo sin da ieri sera e per tutta questa notte. In poche ore sono caduti 148 mm di pioggia, in pratica il 30% della pioggia che cade in un anno sull’isola.

Lo rende noto il Comune, sottolineando che si sono registrati frane, smottamenti, crolli, allagamenti, strade distrutte, interruzioni di energia elettrica e collegamenti internet, addirittura barche affondate su tutti gli 84 km2 di superficie e l’unica nota positiva sino a questo momento è che non ci sono stati feriti, grazie alla prudenza dei panteschi che già da ieri sono rimasti chiusi in casa anche per l’avviso dato dall’Amministrazione comunale che ha ritenuto opportuno chiudere le scuole stamattina.

Le squadre di volontari, Protezione Civile, Vigili Urbani, operai del Comune, Misericordia e Croce Rossa sono al lavoro per le strade per un evento che non ha precedenti sull’isola. La galleria dell’aeroporto si è completamente allagata e la Protezione civile ha lavorato con un’idrovora per liberarla fino alle 4 di questa mattina.

Si è allagata la Chiesa Madre, dove si sarebbe dovuto tenere un funerale, molti danni alle proprietà private, con immagini impressionanti. Sono crollati cannizzati, ma la situazione più preoccupante è senz’altro quella che riguarda i muri e i muretti a secco, crollati in tutto il perimetro dell’isola.

Il sindaco, Vincenzo Campo, ha annunciato l’ennesima richiesta di stato di calamità naturale per l’Isola, che quest’anno aveva già pagato in termini di vite umane il cambiamento climatico in corso, non più di un mese e mezzo fa: “L’emergenza è estesa a tutto il territorio di Pantelleria. Un evento di tale portata non è mai successo prima, c’erano state in questi anni delle bombe d’acqua, ma mai di questa portata – afferma –. Tutte le squadre di soccorso, che mi preme elogiare e ringraziare, sono operative sulle strade per cercare innanzi tutto di garantire la viabilità e mettere in sicurezza i passaggi. Ringrazio anche i tanti panteschi che si stanno dando da fare per aiutare, curandosi delle strade in cui vivono“.

Pantelleria non è preparata a questo tipo di eventi. Un’isola che ha sempre avuto penuria d’acqua, in cui nei secoli la flora si è adattata a ricavare acqua dalla brina e ora, all’improvviso, si ritrova sommersa e rischia davvero di affogare. Il problema, inoltre, si presenterà ancora quando finalmente tornerà il sole, perché asciugandosi l’acqua potrà causare ulteriori smottamenti e caduta di muretti – sottolinea il sindaco –. Chiederemo anche stavolta al Governo regionale di dichiarare lo stato di calamità naturale, perché da sola l’isola non può farcela. Ancora aspettiamo risposte sulla richiesta fatta per la tromba d’aria del 10 settembre. Ci auguriamo che la Regione e il Presidente Musumeci si ricordi veramente di noi e delle nostre difficoltà“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.