Maltempo, alberi caduti per le strade: danni per il vento a Palermo e Catania :ilSicilia.it
Catania

decine di interventi dei vigili del fuoco

Maltempo, alberi caduti per le strade: danni per il vento a Palermo e Catania

di
23 Luglio 2018

Il forte vento soffiato nella notte ha creato diversi danni e decine di interventi dei vigili del fuoco. Numerosi gli alberi divelti e caduti sulle strade di Palermo e della provincia. E’ successo in via Brigata Verona, in via D’Amelio, in via Pindemonte, in via Brigata Aosta, nello svincolo per Giacalone, sullo scorrimento veloce Palermo-Sciacca.

Anche un gazebo è volato in via Villagrazia di Palermo, i vigili del fuoco hanno messo in sicurezza la zona. Un albero è caduto su un auto in sosta in via del Bersagliere. Nella strada che porta al Santuario di Santa Rosalia a Monte Pellegrino alberi e rami sono finiti sull’asfalto.

«Chiusa ai mezzi pesanti e ai bus la via Bonanno a causa della presenza di alberi e rami che il violento nubifragio delle prime ore del mattino ha spinto sulla carreggiata. Le maestranze del settore verde e vivibilità urbana sono già sul posto per rendere la strada per il santuario di Montepellegrino fruibile. Danni anche in via del Bersagliere all’altezza del civico 69, dove due autovetture sono state colpite da un albero caduto». Lo rende noto l’ufficio stampa della Polizia Municipale di Palermo.


Disagi anche sull’autostrada soprattutto sulla Palermo-Mazara del Vallo dove sono caduti alberi nei pressi di Villagrazia di Carini. Tra Balestrate e Alcamo i new jersey laterali si sono spostati al centro della carreggiata creando pericolo per gli automobilisti in transito. Il vento ha alimentato gli incendi che hanno tenuto impegnati i vigili del fuoco e i forestali in provincia di Palermo. Roghi nella zona di Caccamo, Caltavuturo e da questa mattina di nuovo ad Altavilla Milicia dove sono stati appiccate le fiamme in diversi punti. Dopo una lunga giornata di lavoro anche oggi i canadair sono tornati in azione.

LA SITUAZIONE A CATANIA. Rami di alberi caduti su strada, abitazioni e pali di linee elettriche e per la telefonia, con interruzione dei relativi servizi. Sono i principali danni causati la notte scorsa nel Catanese dal forte vento. I vigili del fuoco di Catania hanno già effettuato 50 interventi, ed altrettanti sono in attesa. Oltre che da Catania il maggior numero di richieste di soccorso al centralino di pronto intervento sono giunte da Paternò, Adrano, Giarre e Riposto.

Traffico rallentato a causa della presenza di alberi sull’autostrada A18 Messina-Catania, nel tratto compreso tra Fiumefreddo e Giarre, in direzione del capoluogo etneo. Un ramo (FOTO IN ALTO), a causa del forte vento che soffia sulla zona, si è spezzato colpendo un camion in transito. L’autista e il passeggero sono rimasti feriti. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco e personale dell’Anas. Entrambi sono stati trasportati all’ospedale di Acireale.

 

AGGIORNAMENTO ore 13.00

“Riaperta al transito di autobus e mezzi pesanti via Bonanno. I lavori per la rimozione di alberi e rami dalla carreggiata che conduce a Montepellegrino sono stati ultimati”. Lo rende noto la Polizia Municipale di Palermo

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin