Maltempo flagella Castelmola, il sindaco Russo: "E' un disastro, frane ovunque" :ilSicilia.it
Messina

situazione drammatica nelle contrade del borgo

Maltempo flagella Castelmola, il sindaco Russo: “E’ un disastro, frane ovunque”

15 Ottobre 2018

Il maltempo flagella Castelmola e il sindaco Orlando Russo avvia subito le procedure per il riconoscimento dello stato di calamità. “Quella che stiamo cercando di fronteggiare è una situazione impressionante – ha detto il primo cittadino del borgo turistico -. Ci sono frane e smottamenti praticamente ovunque e non abbiamo le necessarie risorse economiche che occorrono in questi casi, chiediamo alla Regione e allo Stato di aiutarci”.

Le forti piogge che hanno colpito il borgo turistico a partire dalla giornata di venerdì scorso e sino a tutta la giornata di domenica con il forte nubifragio di domenica notte hanno messo in ginocchio le contrade. Sulla via Rotabile Castelmola, lungo la strada provinciale Sp10, sono caduti diversi massi – spiega Russo – e abbiamo dovuto liberare la strada in piena notte, altrimenti saremmo rimasti completamente isolati. Siamo intervenuti alle 2.30 di notte per ripristinare la sede stradale. Tutte le contrade afflitte da problemi di dissesto idrogeologico hanno subito allagamenti e danneggiamenti. Ho dato incarico ad alcune ditte per iniziare a liberare le strade e i sentieri ostruiti da pietre e masse, ma la situazione è indubbiamente complicata, in particolare nella zona alta di contrada Mastrissa”.

un masso sulla Sp10

“Stiamo preparando un dossier dettagliato, con una relazione e materiale fotografico, sullo stato dei luoghi ed i relativi danni post-maltempo, e lo trasmetteremo subito agli enti preposti per evidenziare la gravità della situazione – aggiunge Russo -. Abbiamo già attivato i contatti con la Protezione Civile. Il nostro è un territorio che si estende su 17 km ma di fatto attraversato da circa 200 km di strade che si collegano ai vari Comuni dell’hinterland, pertanto esposto a molteplici pericoli. In questi anni abbiamo intercettato circa 30 milioni di finanziamenti per la gran parte dediti a contrastare le frane e il dissesto idrogeologico ma per la gravità delle criticità in atto servirebbero interventi molto più consistenti”.

A causa del forte maltempo, anche contrada Petralia è stata colpita da una frana ed è stata liberata nelle prime ore del mattino di lunedì. Interrotta anche la strada di Ziretto. E’ in corso una ricognizione aggiornata sullo stato complessivo dei luoghi, e di ora in ora la situazione a Castelmola appare sempre più critica e difficile da affrontare.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.