Maltempo, Musumeci: "Stiamo raccogliendo quello che abbiamo seminato" :ilSicilia.it

la dichiarazione

Maltempo, Musumeci: “Stiamo raccogliendo quello che abbiamo seminato”

di
27 Ottobre 2021

In Sicilia “succede che stiamo raccogliendo quello che abbiamo seminato. Il territorio invece di essere accarezzato, di essere tutelato, capito, compreso, condiviso, è stato devastato, sfruttato. Non in questa circostanza, ma alcuni mesi fa, andando in giro per la mia isola, ho visto case costruite sull’alveo dei fiumi, torrenti tombati e diventati strade, come se l’acqua si fosse arresa di fronte alla furbizia dell’uomo. E invece l’acqua torna, torna anche dopo cent’anni, e quando torna vuole trovare la strada libera, altrimenti ci sono danni, feriti, morti“. Così a Timeline, su Sky TG24, il presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci.

Dobbiamo necessariamente chiedere a Roma – aggiunge –, e ne ho già parlato questa mattina con il Direttore Curcio, e a Bruxelles, ma porrò questo tema anche alla conferenza dei presidenti di Regioni, una nuova politica del territorio. Pensiamo solo che ci vorrebbero tre miliardi di euro per potere mettere in sicurezza la mia Regione, che soprattutto nella provincia di Messina appare particolarmente fragile e vulnerabile. In Sicilia abbiamo tutti i rischi possibili, quelli previsti dal catalogo e dal manuale della Protezione Civile: dal rischio sismico al rischio vulcanico, al rischio idrogeologico, al rischio incendi, al rischio industriale. E’ chiaro, quindi, che, per quanto riguarda quello che potrebbe accadere nei prossimi mesi e anni, noi abbiamo il dovere di mettere, per quanto possibile naturalmente, in sicurezza il nostro territorio“.

Abbiamo fatto tutto quello che potevamo fare – conclude –, come Regione abbiamo speso fino all’ultimo centesimo, tutto quello che lo Stato ci ha dato contro il dissesto idrogeologico. Io sono il commissario regionale e credo che la Sicilia sia la prima o la seconda Regione in Italia per spesa certificata, però tutto questo come abbiamo visto non basta. E’ cambiato il clima, e deve cambiare l’approccio da parte dell’uomo verso queste calamità sempre più frequenti e non più eccezionali“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin