Maltempo. "The day after", la mappatura dei danni. Crocetta promette interventi tempestivi :ilSicilia.it
Agrigento

Il governatore oggi a Modica. Intanto l'Etna si è risvegliato

Maltempo. “The day after”, la mappatura dei danni. Crocetta promette interventi tempestivi

di
24 Gennaio 2017

Sembra ormai passata l’emergenza maltempo nell’Isola. Oggi si fa la conta dei danni. Il presidente della Regione Rosario Crocetta oggi si recherà a Modica alle 12 e alle 14 a Scicli, per incontrare le amministrazioni locali, le comunità colpite e per assicurare il sostegno del governo: “Un sostegno non solo formale – dice Crocetta – ma fatto di impegni concreti e risorse immediate per riparare i danni che il Maltempo ha creato”. È urgente l’approvazione da parte dell’Ars del piano approvato in giunta relativo all’utilizzo dei fondi Poc (Programma Operativo Complementare), dove sono previsti numerosi interventi destinati ai territori colpiti da calamità naturali. Il piano, per legge regionale, deve essere apprezzato nelle commissioni di merito e condiviso con un un documento dell’Ars. Crocetta ha già sentito il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzione che ha assicurato il proprio interessamento per l’accelerazione dell’iter.

LE IMMAGINI DI IERI A MODICA:


Rimarranno chiuse anche oggi  le scuole a Sciacca (Agrigento). Lo ha deciso il sindaco Fabrizio Di Paola. Si attende il completamento delle verifiche tecniche sulla sicurezza degli edifici dopo il nubifragio di ieri. Inoltre, la chiusura al transito di alcune strade franate del centro abitato, rende necessaria l’individuazione di percorsi alternativi tuttora allo studio della polizia municipale.

Dunque, tempestività degli interventi, mappatura delle criticità, volontà di coordinamento. È quanto è emerso ieri nel corso dell’incontro organizzato a Palazzo d’Orleans, al quale hanno partecipato Crocetta, Protezione civile, Anas, Cas, i Dipartimenti Infrastrutture, Territorio e Ambiente e Tecnico. Gli enti stanno seguendo attentamente l’emergenza Maltempo, assicurando la loro presenza nei territori e intervenendo per risolvere i problemi critici nelle zone colpite e per ogni segnalazione ci si può rivolgere direttamente alla Protezione civile. È in corso la mappatura dei danni da parte di tutti i dipartimenti interessati, finalizzata non solo ad individuare gli interventi immediati, ma anche alla dichiarazione dello stato di calamita’ che verrà deliberata nei prossimi giorni dalla Giunta. In corso di redazione anche la mappa delle varie criticità che richiedono interventi immediati.

«In Italia il maltempo sta causando gravi danni. Siamo consapevoli che a causa della neve in alcune parti del paese si stanno vivendo situazioni catastrofiche. Purtroppo, però, anche in Sicilia ed in provincia di Agrigento a partire da Sciacca, a causa di bombe d’acqua e piogge intense, si sono verificati danni ingenti e si è aperta una fase emergenziale che sembra non terminare». Lo dice il deputato del Pd, Tonino Moscatt, che prosegue: «Il governo nazionale e regionale monitori la situazione e non lasci sole le amministrazioni locali ed i cittadini. Inoltre stanzi subito le risorse necessarie per il ripristino delle strade e il risarcimento dei danni».

Nel frattempo, l’Etna oggi si è risvegliato così:

Ieri sera le prime eruzioni:

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin