20 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.47
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

dopo il temporale di stanotte

Maltempo, voragini nell’asfalto e automobilisti in panne nel Palermitano

17 novembre 2018

Nuovi danni e disagi per il maltempo, ieri sera, tra Palermo e provincia: allagamenti e voragini nell’asfalto. Nel capoluogo, gravi i danni subiti da abitazioni, strade ed esercizi commerciali: il ristorante “la Fattoria” è stato letteralmente inondato.

A Monreale, in via Corpo di guardia, il torrente cosiddetto “Vadduneddu”, normalmente di piccola portata, è esondato. Il tubo che contiene le acque e che passa sotto la strada si è spezzato: è stato trascinato per diversi metri, portando con sé il materiale di sostegno della strada, il manto stradale è franato mostrando una voragine. I vigili del fuoco, la protezione civile e i carabinieri sono intervenuti e hanno deciso di chiudere la strada.

Le auto dei residenti, infatti, non possono più uscire, e si è reso necessario attraversare a piedi il tratto di strada interdetto, sotto il cui manto si intravede il vuoto. Le acque hanno inondato anche alcune ville più a valle, in via Aquino Molara, sempre nel territorio di Monreale. Acqua e fango sono entrate nelle abitazioni.  

Nel parcheggio della sala ricevimenti “Villa Riis” l’acqua ha raggiunto i 50 centimetri di altezza, un’automobile in sosta nel parcheggio del condominio adiacente è stata travolta e trascinata nel torrente. Difficoltà anche per gli automobilisti che si sono trovati a guidare in circonvallazione.

Registrati dei piccoli smottamenti vicino ad una palazzina in via Pietro Novelli, dove i volontari della protezione civile hanno transennato l’area. Strade allagate e garage e pian terreni invasi dall’acqua in via stradale vicinale Badame.

Ad Altavilla Milicia, invece, un automobilista è rimasto impantanato ed è stato soccorso dai vigili del fuoco.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.