"Mancia comu parri", all'Ars l'Udc premierà 11 aziende siciliane :ilSicilia.it

Il 9 settembre all'ARS

“Mancia comu parri”, all’Ars l’Udc premierà 11 aziende siciliane

di
6 Settembre 2019

Lunedì alle ore 11.00 presso la sala Piersanti Mattarella dell’Assemblea Regionale Siciliana, la classe dirigente dell’Udc premierà 11 aziende che si sono distinte nella produzione di eccellenze siciliane.

Si tratta di realtà produttive di piccole e medie dimensioni che promuovono il biologico made in Sicily, quello che “se scelto e individuato accuratamente tra gli scaffali dei nostri supermercati – come sottolinea il deputato regionale Vincenzo Figucciaimbandisce le nostre tavole, allietate da un paniere di beni, espressione di una nodale sicurezza alimentare, del lavoro nostrano e dei tempi naturali di lavorazione e di raccolta.
Gli imprenditori saranno premiati con il marchio “Mancia Comu Parri, mangia sano mangia siciliano“, un contrassegno che vuole identificare una comunità che punta all’eccellenza Siciliana, alla filiera corta e quindi al chilometro zero, senza alcuna contaminazione – dice il coordinatore provinciale del partito – con gli ormai diffusi sistemi produttivi di massa ai quali i nostri consumatori, sono gravemente esposti. I prodotti standardizzati, gli OGM e tantissimi derivati che ripropongono cibi plastificati e smaltati, avvelenano nel silenzio i nostri figli e noi d’altra parte, abbiamo la responsabilità di rimettere al centro il culto della bellezza dei prodotti siciliani che portano con sé i colori della nostra terra e dei sacrifici di chi, nonostante le mille difficoltà, lavora i campi. Ai nostri giovani vogliamo dire: inventate il lavoro, fate impresa, in Sicilia è possibile“.

Alla manifestazione saranno presenti l’assessore regionale Mimmo Turano, la capogruppo dell’udc all’Ars Eleonora Lo Curto, il coordinatore regionale dell’Udc Decio Terrana e il dirigente generale dell’agricoltura Dario Cartabellotta.

“Un’iniziativa lodevole – afferma Terrana – con la quale valorizziamo le tipicità siciliane, orgoglio della nostra terra. L’Udc grazie all’intuizione e all’impegno di Vincenzo Figuccia e di tutta la deputazione regionale si sta intestando delle battaglie meritevoli che senza dubbio ci contraddistinguono sul piano nazionale”.

 

LEGGI ANCHE:

Alimentare: nasce il marchio “Mancia comu parri” per la tutela del Made in Sicily

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.